Regione autonoma Friuli Venezia GiuliaRegione autonoma Friuli Venezia Giulia

Ostreopsis ovata

La rete di monitoraggio di Ostreopsis ovata comprende 4 punti di campionamento lungo la costiera triestina:

  1. Punta Sottile (comune di Muggia); 
  2. Barcola (comune di Trieste); 
  3. Canovella de' Zoppoli (comune di Duino-Aurisina);
  4. Sistiana (comune di Duino-Aurisina). La località rientra nel monitoraggio per la presenza di stabilimenti balneari assiduamente frequentati durante la stagione estiva, sebbene non siano mai state rilevate criticità. 

Il monitoraggio viene eseguito mensilmente, da maggio a settembre. La frequenza dei monitoraggi viene intensificata nel caso siano previste situazioni di potenziale allerta.

Il calendario e tutte le altre informazioni sui monitoriaggi, sono disponibili alla pagina Ostreopsis ovata: i monitoraggi

Cerca zona / stazione
Legenda e controllo visualizzazione
     STAZIONI DI MONITORAGGIO ATTIVE
     STAZIONI DI MONITORAGGIO DISMESSE


Maggiori informazioni su Ostreopsis ovata e sulla sua presenza in Friuli Venezia Giulia nei seguenti approfondimenti:

Report Arpa FVG

A partire dal 2021 Arpa FVG produce un proprio report sul monitoraggio di Ostreopsis cfr. ovata e altre microalghe potenzialmente tossiche lungo le coste del Friuli Venezia Giulia.

Di seguito si riporta l'elenco dei report Arpa FVG:

Report ISPRA

I rapporti relativi al monitoraggio di Ostreopsis cfr. ovata e altre micoralghe potenzialmente tossiche lungo le coste del Friuli Venezia Giulia, dal 2009 al 2020, sono scaricabili dal sito di ISPRA.

Di seguito si riporta l'elenco dei report annuali (in formato PDF) di ISPRA/ARPA sul monitoraggio della microalga potenzialmente tossica Ostreopsis cfr. ovata lungo le coste italiane, dal 2009 ad oggi:

Esiti del Piano di sorveglianza

Di seguito si riportano gli esiti del Piano di sorveglianza della specie Ostreopsis cfr. ovata, per ogni anno di monitoraggio:

  • anno 2021
    Le attività di monitoraggio che Arpa FVG ha eseguito, lungo le coste regionali, nel corso della stagione balneare 2021, per il rilevamento e il controllo di fioriture microalgali potenzialmente tossiche in particolare a carico della specie Ostreopsis cfr. ovata, hanno dato esiti negativi per la maggior parte del periodo indagato.
    Dai controlli a cadenza mensile e quindicinale eseguiti da giugno a settembre non sono state rilevate particolari criticità. E' stata rinvenuta la presenza di Ostreopsis cfr. ovata nei campioni prelevati il 24 agosto, il 06 e 20 settembre 2021 prevalentemente a Barcola e a Canovella de'Zoppoli. La specie è stata osservata soprattutto nei campioni di macroalghe, mentre in acqua sono state riscontrate concentrazioni molto basse (picco massimo di 640 cell/litro) che non hanno mai raggiunto il limite legale di 10.000-30.000 cellule/litro che in presenza di periodo prolungato con scarso idrodinanamismo e temperature ottimali di fioritura fa scattare la fase di allerta.
    L'evolversi delle condizioni meteorologiche in corrisopondenza della conclusione della stagione estiva non hanno reso necessari ulteriori monitoraggi.
  • anno 2020
    Le attività di monitoraggio che Arpa FVG ha eseguito, lungo le coste regionali, nel corso della stagione balneare 2020, per il rilevamento e il controllo di fioriture microalgali potenzialmente tossiche in particolare a carico della specie Ostreopsis cfr. ovata, hanno dato esiti negativi fino ad agosto quando a fine mese sono state rinvenute le prime cellule della microalga nella spiaggia di Canovella de'Zoppoli.
    I controlli a cadenza quindicinale eseguiti a settembre hanno evidenziato la crescita e lo sviluppo di fioriture a carico di questa specie a Canovella de'Zoppoli e a Barcola che hanno fatto scattare le fasi di preallerta e successivamente di allerta. E' stato eseguito un monitoraggio suppletivo anche nelle spiagge limitrofe alle aree interessate per definire l'intensità e l'estensione della fioritura. La specie era presente in tutte le zone indagate ma solo a Canovella de'Zoppoli a metà settembre è stata rinvenuta la concentrazione cellulare in acqua di 30.720 cell/l che, superando il limite legale di 10.000-30.000 cellule/litro e in presenza di periodo prolungato con scarso idrodinanamismo e temperature ottimali per lo sviluppo delle fioriture, ha fatto scattare la fase di allerta.
    Nel monitoraggio successivo, del 21/09/2020 è stato registrato un importante decremento delle abbondanze soprattutto nella matrice macroalgale, e con l’evolversi delle condizioni meteo-marine per il termine della stagione estiva non sono stati necessari ulteriori controlli suppletivi.
    Durante le fasi di preallerta e allerta Arpa FVG ha informato, come da protocollo, le autorità competenti dell’evento in atto e successivamente dell’evoluzione dello stesso, secondo i termini previsti dalla legge.
    Per tutto il periodo delle fioriture non sono state rilevate problematiche di tipo sanitario in nessuna delle aree interessate dagli eventi.
  • anno 2019
    Le attività di monitoraggio che Arpa FVG ha eseguito, lungo le coste regionali, nel corso della stagione balneare 2019, per il rilevamento e il controllo di fioriture microalgali potenzialmente tossiche in particolare a carico della specie Ostreopsis cfr. ovata, hanno dato esiti negativi per la maggior parte del periodo indagato.
    Dai controlli a cadenza mensile e quindicinale eseguiti da giugno a settembre non sono mai state rilevate particolari criticità. E' stata rinvenuta la presenza di Ostreopsis cfr. ovata  nei campioni prelevati il 26 agosto  e il  16 e 23 settembre 2019 in tutte le stazioni indagate (Punta Sottile, Barcola, Canovella de'Zoppoli e Sistiana). La specie è stata riscontrata nei campioni di macroalghe, mentre in acqua era presente soprattutto nei campioni prelevati a settembre, e nella stazione di Canovella de'Zoppoli. Tuttavia, le concentrazioni della microalga riscontrate in acqua (che hanno raggiunto un picco massimo di 6.600 cell/litro), non hanno mai superato il limite legale di 10.000-30.000 cellule/litro che in presenza di periodo prolungato con scarso idrodinanamismo e temperature ottimali di fioritura fa scattare la fase di allerta.
    L'evolversi delle condizioni meteorologiche in corrisopondenza della conclusione della stagione estiva non hanno reso necessari ulteriori monitoraggi.
  • anno 2018
    Anche durante la stagione balneare 2018 sono state effettuate le rutinarie attività di monitoraggio delle aree maggiormente a rischio di fioriture a carico di Ostreopsis cfr. ovata. Le attività che ARPA FVG ha eseguito, per il rilevamento e il controllo di fioriture microalgali potenzialmente tossiche lungo le coste regionali, hanno dato esiti negativi per la maggior parte del periodo indagato.
    Dai controlli a cadenza mensile eseguiti da maggio a settembre non sono mai state rilevate particolari criticità. E' stata rinvenuta la presenza di Ostreopsis cfr. ovata  nei campioni prelevati il 27 agosto  e il  17 settembre 2018 in tutte le stazioni indagate (Punta Sottile, Barcola, Canovella de Zoppoli e Sistiana). La specie è stata riscontrata nei campioni di macroalghe, mentre in acqua era presente soprattutto nell'ultimo campionamento di Settembre. Tuttavia, anche in questo caso, le concentrazioni della microalga in acqua, con un valore massimo di 7800 cell/litro non raggiungevano il limite legale di 10.000 cellule/litro, oltre il quale scatta la fase di allerta.
    In via del tutto precauzionale, il 25 settembre a Canovella de Zoppoli è stato prelevato un campione suppletivo di acqua superficiale e l'esito dell'analisi è stato negativo.
    Il concludersi della stagione estiva e l'evolversi delle condizioni meteorologiche, non hanno reso necessari ulteriori monitoraggi.
  • anno 2017
    Le attività che Arpa FVG ha eseguito, nel corso della stagione balneare 2017, per il rilevamento e il controllo di fioriture microalgali potenzialmente tossiche lungo le coste regionali maggiormente a rischio, hanno dato esiti negativi per tutto il periodo indagato. 
    Con particolare riguardo alla specie microalgle Ostreopsis ovata, sono stati effettuati controlli a cadenza mensile, da maggio a settembre. Non sono mai state rilevate criticità e solo nel corso dell'ultimo monitoraggio effettuato il 18 settembre 2017 è stata osservata la presenza di Ostreopsis cfr. ovata nei campioni prelevati nella spiaggia di Canovella de Zoppoli. Tuttavia, anche in questo caso, le concentrazioni della microalga erano piuttosto basse (25.000 cellule/grammo di macroalga, nella matrice macroalgale e 6.000 cellue/litro, nell'acqua superficiale) e non raggiungevano il limite legale di 10.000 cellule/litro, oltre il quale scatta la fase di allerta.
    Quindi, nel corso della stagione balneare 2017, non è mai stato superato il limite legale nell'acqua e dato il concludersi della stagione estiva e l'evolversi delle condizioni meteorologiche, non sono stati necessari monitoraggi suppletivi.
  • anno 2016
    Nel corso della stagione balneare 2016, le attività destinate al rilevamento di fioriture microalgali potenzialmente tossiche hanno dato esiti negativi per la maggior parte del periodo.
    Solo a fine stagione, l'ultimo monitoraggio effettuato il 19 settembre 2016 ha permesso di evidenziare, nella spiaggia di Canovella de Zoppoli, la presenza di Ostreopsis cfr. ovata nella matrice macroalgale, ma con abbondanze contenute (di poco superiori a 200000 cellule per grammo di macroalga) e, in acqua, la sua abbondanza non raggiungeva il limite legale di 10000 cellule/litro. Anche a Barcola la microalga è stata riscontrata ma soltanto nella matrice macroalgale e sempre con concentrazioni molto basse.
    Per tutto il periodo balneare, quindi, non è mai stato superato il limite legale nell'acqua e dato il concludersi della stagione estiva e l'evolversi delle condizioni meteorologiche non sono stati effettuati monitoraggi suppletivi.
  • anno 2015
    Le attività di controllo eseguite nel corso della stagione balneare del 2015, volte al rilevamento di fioriture microalgali potenzialmente tossiche, hanno dato esiti negativi per la maggior parte del periodo della balneazione. 
    A fine stagione (9 settembre), per le elevate concentazioni di Ostreopsis cfr. oata rilevate nella spiaggia di Canovella de'Zoppoli, e Barcola è scattata la fase di allerta secondo il Piano di sorveglianza. 
    Non è mai stato raggiunto o superato il limite legale di 10000 cellule /litro.
    Il 21 settembre è stato effettuato un monitoraggio suppletivo nelle spiagge di Canovella de'Zoppoli, Barcola - CEDAS e sul lungomare presso il Bivio di Miramare allo scopo di verificare l'estensione delle fioriture. Il decremento delle concentrazioni cellulari della microalga e l'evolversi delle condizioni meteorologiche hanno fatto rientrare la fase di allerta. 
    Non sono stati effettuati ulteriori controlli.
  • anno 2014
    Nel corso del 2014 i controlli effettuati nell'ambito del Piano di sorveglianza hanno dato esiti negativi per gran parte del periodo della balneazione.
    Infatti solo a fine stagione (15 settembre) è scattata la fase di allerta a causa delle elevate concentrazioni di Ostreopsis ovata riscontrate nella spiaggia di Canovella De'Zoppoli e a Barcola.
    Tuttavia non è mai stato raggiunto e superato nell'acqua il limite legale di 10000 cellule/litro. 
    Il 29 settembre è stato effettuato un controllo suppletivo sia a Canovella De'Zoppoli che a Barcola. Gli esiti di questo controllo hanno evidenziato una marcata diminuzione della concentrazione cellulare dell'alga indicando il decremento del fenomeno e facendo rientrare la fase di allerta.
    Dato il concludersi della stagione balneare e l'evolversi delle condizioni meteorologiche non sono stati effettuati ulteriori monitoraggi. 

Ultimo aggiornamento 17/8/2022

URL: https://www.arpa.fvg.it/temi/temi/acqua/sezioni-principali/balneazione/ostreopsis-ovata/