Regione autonoma Friuli Venezia GiuliaRegione autonoma Friuli Venezia Giulia

InformImpresa

Cosa fa lo Sportello InformImpresa?

Lo sportello InformImpresa supporta le realtà produttive già insediate, o che vogliano insediarsi, nel territorio regionale a operare secondo principi di compatibilità ambientale, innovazione e sostenibilità.

E’ principalmente rivolto alle aziende, ma dialoga anche con il mondo degli Enti Locali e con la Regione, proponendosi come interlocutore tra mondo produttivo e PPAA per il comune obiettivo dello Sviluppo Sostenibile del territorio.

Lo Sportello si inquadra nell’ambito delle azioni Regionali rivolte al mondo produttivo in attuazione della L.R. 3/2015 (RilancmpresaFVG) e L.R. 3/2021 (SviluppoImpresa).

Questi i principali servizi che propone:

  • Orientamento delle imprese rispetto ai percorsi autorizzativi e di valutazione
    Fornisce informazioni e dati e favorisce percorsi di semplificazione delle procedure anche attraverso la definizione di strumenti informatici e/o di linee guida.
  • Accompagnamento delle aziende alla svolta green
    Rappresenta un riferimento, anche in partecipazione con le Associazioni di categoria, in relazione agli obblighi normativi in materia ambientale, incoraggiando un approccio che si ispiri ai requisiti dei sistemi di gestione ambientale.

    Inoltre favorisce il passaggio delle pratiche ambientali, da puri e semplici adempimenti di legge, a strumenti operativi per monitorare la propria attività, prevenire problematiche e risparmiare.
  • Accompagnamento dei distretti/cluster industriali alla svolta green
    Fornisce supporto tecnico ai distretti /Cluster industriali che vogliano migliorare la propria gestione ambientale d’area.

Come opera lo sportello InformImpresa

Lo sportello opera seguendo il seguente schema logico:

  • L’impresa contatta lo Sportello di Arpa FVG (anche attraverso le Associazioni di categoria)
    L’impresa presenta una specifica istanza sia di persona presso gli sportelli, sia telefonicamente, sia on-line, o attraverso le associazioni di categoria.
  • Si attiva la rete di esperti Arpa FVG per fornire la risposta
    In base alla tematica ed alla complessità della richiesta, l’attività dello Sportello Imprese può richiedere diversi livelli di approfondimento che vanno dalla semplice comunicazione o ricerca documentale fino alla creazione di gruppi di lavoro.

    Possono essere attivate, secondo le necessità, le diverse strutture operative di Arpa FVG di volta in volta coinvolte.

    Si creerà così una rete di professionisti competenti dell’Agenzia che orienterà l’impresa verso i percorsi più idonei dal punto di vista tecnico e burocratico. Lo scopo è di prevenire «a monte» problemi di inquinamento, risparmiando tempo ed evitando il rischio di sanzioni agli operatori del settore.
  • Le informazioni vengono condivise

    La risposta elaborata da Arpa FVG al quesito posto, diventa, se pertinente, patrimonio di tutti. In tal caso andrà a popolare la sezione delle FAQ.

Tool per le imprese

Arpa FVG ed il Sistema Nazionale per la Protezione dell’Ambiente (SNPA) hanno intrapreso da molti anni un percorso di affiancamento alle imprese nello spirito di semplificare, laddove possibile, gli adempimenti per le imprese, e rendere più chiare e trasparenti le scelte e le decisioni degli Enti preposti a rilasciare autorizzazioni e pareri o ad effettuare controlli.

A tale fine sono stati elaborati un gran numero di tool (linee guida, applicativi, FAQ etc.) che trattano svariate tematiche che rivestono particolare interesse per le imprese in quanto presentano delle aree di non semplice comprensione ed applicazione.

Questi alcuni tra i tools più importanti pubblicati dall’SNPA e da Arpa Fvg divisi per argomento. L’elenco non vuole essere esaustivo, ma solo dare conto degli strumenti più recenti, raccogliendoli in un'unica pagina. Ulteriori documenti sono reperibili sul sito, nelle pagine dedicate alle singole tematiche. 

Catasto rifiuti urbani regionale (applicativo web O.R.So): applicativo che, così come previsto dal Piano di Gestione dei Rifiuti FVG, prevede l’inserimento dei dati da parte dei Comuni per la produzione e gestione dei rifiuti urbani e dei soggetti gestori degli impianti per i rifiuti ritirati e trattati.

  • relazione di riferimento e screening per le ditte soggette ad AIA (linea guida e applicativo web): informazioni sulle disposizioni riguardanti la necessità di elaborare una Relazione di Riferimento per le installazioni soggette ad AIA.
  • scarichi domestici ed assimilabili (linea guida): riferimento tecnico e procedurale per la gestione delle istruttorie autorizzative relative ai sistemi di trattamento per gli scarichi di acque reflue domestiche e assimilate non recapitanti in fognatura.
  • acque meteoriche da impianti di distribuzione carburanti (linea guida): riferimento tecnico e gestionale per il trattamento delle acque meteoriche di dilavamento non recapitanti in fognatura, provenienti da impianti di distribuzione carburanti.
  • emissioni in atmosfera (linee guida): elenco metodiche analitiche da utilizzare per il campionamento e le analisi delle emissioni industriali e requisiti e caratteristiche che devono possedere i siti di misurazione a camino per consentire campionamenti delle emissioni che assicurino risultati affidabili e comparabili con i limiti fissati dalla normativa. 
  • applicativo Informatico per la Conduzione degli Autocontrolli (applicativo web AICA): il portale AICA è stato sviluppato dal personale di ARPA FVG a partire dal 2012. Lo scopo di questo portale è di raccogliere tutti i dati di autocontrollo e guidare i gestori al rispetto delle prescrizioni formali di comunicazione. È nato inizialmente per la gestione delle sole autorizzazioni AIA industriali, grazie alla stretta collaborazione con l’Autorità Competente (la Regione FVG). Successivamente, a partire dal 2017, una volta rafforzate le caratteristiche del portale sono state sviluppate ulteriori sezioni per le altre autorizzazioni ambientali (AUA, AE e depuratori urbani). 
    Attualmente, a seconda della natura dell’atto autorizzativo è possibile assolvere agli obblighi di comunicazione relativi:
    -al preavviso di esecuzione degli autocontrolli;
    -ai risultati analitici degli autocontrolli verificandone preventivamente l’adeguatezza sia in termini di rispetto dei limiti di legge, sia di frequenza di esecuzione;
    -alla relazione di conformità di conduzione degli impianti da inviare entro il 30.04 di ogni anno, come previsto dal D.Lgs. 152/06 per gli impianti in AIA;
    -ad altre informazioni/documenti richiesti dall’atto autorizzativo.

    Al momento sono in corso degli sviluppi ulteriori dell’applicativo per consentire di generare alcune comunicazioni, anche parziali, con i dati già inseriti, quali per esempio e-PRTR, catasto Inemar.
    Per accedere all’applicativo sono necessarie delle credenziali nominali, il rilascio delle stesse può avvenire a seguito della presenza della prescrizione specifica nell’atto autorizzativo oppure per adesione volontaria da parte della ditta. 
    Per tutti i nuovi utenti è prevista la possibilità di partecipare ad un incontro formativo a cura di ARPA FVG della durata di circa 1 ora per comprenderne le logiche e le modalità di inserimento delle informazioni. 
    Per qualunque informazione si prega di contattare il personale deputato alla gestione dell’applicativo alla mail: autocontrolli.aia@arpa.fvg.it.

VIA: impostazione delle analisi di impatto e delle valutazioni di sostenibilità delle opere nella predisposizione di uno Studio di Impatto Ambientale (SIA), di uno Studio Preliminare Ambientale (screening di VIA) e delle correlate proposte di Piano di Monitoraggio Ambientale per i progetti.
Nella pagina sono esaminate varie attività produttive, tra cui quelle estrattive e quelle per la realizzazione di infrastrutture stradali. Nella stessa pagina sono presenti anche altri documenti correlati, tra cui quello dedicato alla valutazione dell'impatto odorigeno proveniente da attività produttiva.

Linee guida e documenti:

Applicazione della disciplina per l’utilizzo delle terre e rocce da scavo (Linea guida SNPA): manuale che aiuta a sciogliere alcuni dubbi interpretativi della normativa (DPR 120/2017).

Soil gas survey (linee guida SNPA e applicativo): monitoraggio delle matrici aeriformi presenti nel suolo nella bonifica dei siti contaminati.

Gestione delle attività di dragaggio in ambito lagunare (linea guida): riferimento tecnico e gestionale a supporto dei proponenti privati e della Regione durante le attività di caratterizzazione dei sedimenti, di valutazione dei risultati chimico-fisici-ecotossicologici e per la predisposizione ed esecuzione dei piani di monitoraggio ambientali per la verifica della sussistenza dei criteri ambientali necessari per la movimentazione dei sedimenti in ambito lagunare.

FAQ - le risposte alle vostre domande

Sì, a certe condizioni.

In linea generale è fortemente raccomandato un attento inventario, da effettuarsi in fase di progettazione della demolizione, degli elementi che saranno destinati a riutilizzo, seguito da adeguata separazione/smontaggio, identificazione e corretto stoccaggio (distinto dai rifiuti) dei materiali da riutilizzare.

Non esiste infatti una specifica normativa nazionale che regolamenti le attività finalizzate al riutilizzo di materiale proveniente da demolizione, tuttavia, riutilizzare materiali, anche quelli edili derivati dalle attività di demolizione, è altamente raccomandato dai principi cardine dell’economia circolare, che indicano nel riuso la miglior pratica per prevenire la produzione di rifiuti.

Il D.Lgs 152/2006 (TUA) all’art. 183 comma 1 lettera r) definisce:

riutilizzo: qualsiasi operazione attraverso la quale prodotti o componenti che non sono rifiuti sono reimpiegati per la stessa finalità per la quale erano stati concepiti;”.

Pertanto, se si desidera riutilizzare un materiale tal quale proveniente da un’opera edile da demolire, è opportuno raccogliere evidenze che consentano di attribuire al suddetto materiale la qualifica di bene e non di rifiuto, documentando che non ci si vuole “disfare” di esso.

Uno strumento valido in tal senso è rappresentato dalle procedure di demolizione selettiva, che prevedono una progettazione intelligente e documentata a monte delle operazioni di demolizione. All’interno di tale progettazione vengono individuati i materiali che non costituiscono scarti o rifiuti in quanto viene espressa la volontà di reimpiegarli.

La Linea guida dell’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) sulla gestione dei rifiuti provenienti da attività di costruzione & demolizione (vedi riferimento a fondo pagina) dedica una breve sezione al tema del riutilizzo. In particolare afferma che: “…Tale pratica viene applicata da tempo in modo particolare per la valorizzazione di quegli elementi che possono avere un pregio estetico/storico… I componenti selezionati, se il produttore non ha intenzione di disfarsene, superata la verifica atta a valutare il loro possibile reimpiego, soprattutto se da utilizzarsi come elementi strutturali o “portanti”, e la loro non “contaminazione” (anche accidentale) con sostanze pericolose non rientrano nella definizione di rifiuto (art. 183, comma 1 lett. a) D.Lgs.152/2006), e pertanto vanno considerati come un qualunque altro materiale/componente da costruzione e come tale deve essere gestito….”.

Riferimenti normativi e tecnici:

No.
Nella gestione tecnica dei serbatoi interrati rimane disponibile in Norma il solo riferimento del DM 29.11.2002 “Requisiti tecnici per la costruzione, l'installazione e l'esercizio dei serbatoi interrati destinati allo stoccaggio di carburanti liquidi per autotrazione, presso gli impianti di distribuzione”. Trattandosi in questo caso di un’attività che non ricade in tale fattispecie, non vi sono degli obblighi normativi generali, tuttavia va tenuto sempre presente che possono esserci almeno 2 casi in cui diventa obbligatorio effettuare prove di tenuta di un serbatoio interrato:

  1. Se è richiesto da un atto/provvedimento autorizzativo (in tal caso potrebbero essere specificati nell’atto stesso anche tempi e modalità delle prove);
  2. Se si sospetta una perdita all’interno del serbatoio (ad esempio in seguito ad un anomalo calo di livello), specialmente in assenza di doppia parete, generalmente più cautelativa.

Per quanto riguarda le modalità di effettuazione delle prove di tenuta, pur in assenza di normativa vigente, possono richiamarsi, in via puramente di riferimento tecnico, i disposti del decaduto Decreto del Ministero dell’Ambiente n° 246 del 24.05.1999 (Regolamento recante norme concernenti i requisiti tecnici per la costruzione, l'istallazione e l'esercizio dei serbatoi interrati).

In particolare, in riferimento alle prove di tenuta, debbono essere adottati metodi in grado di rilevare una perdita nei serbatoi uguale o minore di quattrocento cm3 per ora (con una probabilità di rilevamento pari o maggiore al 95%). Si indica come preferibile la metodica di rilevamento VACUUM TEST. Le prove devono essere effettuate da personale qualificato. I risultati delle prove devono comparire in apposito certificato ed in caso di esito sfavorevole della prova, deve essere data notifica immediata alle autorità competenti (Comune, Arpa, Regione FVG - Direzione centrale difesa dell'ambiente, energia e sviluppo sostenibile).

Riferimenti normativi:

  • DM 29.11.2002 (Requisiti tecnici per la costruzione, l'installazione e l'esercizio dei serbatoi interrati destinati allo stoccaggio di carburanti liquidi per autotrazione, presso gli impianti di distribuzione).
  • DM 246/1999 (Regolamento recante norme concernenti i requisiti tecnici per la costruzione, l'istallazione e l'esercizio dei serbatoi interrati) annullato con Sentenza n° 266 del 19/07/2001 della Corte Costituzionale.

La disciplina delle acque meteoriche di dilavamento è completamente demandata alle Regioni.

Il Friuli Venezia Giulia ha recentemente emanato il Piano di tutela delle Acque (delibera di Giunta n. 591/2018). L’art. 4 delle Norme di Attuazione del Piano definisce le acque meteoriche di dilavamento e le suddivide in acque di prima pioggia (considerate contaminate) e di seconda pioggia (considerate non contaminate). L’art. 26 comma 1 delle Norme di cui sopra definisce inoltre quali siano le acque di prima pioggia che andranno convogliate, trattate e scaricate in fognatura o in acque superficiali (oppure al suolo, nei soli casi particolari previsti dalla normativa). Di seguito si riporta il testo:

Art. 26 Acque di prima pioggia

1.Si considerano acque di prima pioggia, ai fini del convogliamento e successivo trattamento, quelle contaminate provenienti dal dilavamento di superfici scolanti di qualsiasi estensione, ove vi sia la presenza di:

a) depositi, non protetti dall’azione di agenti atmosferici, di materie prime, semilavorati, prodotti finiti o rifiuti e che, in occasione di dilavamento meteorico, possono rilasciare sostanze suscettibili di recare danno alle acque superficiali o sotterranee;

b) lavorazioni, comprese le operazioni di carico e scarico, che comportino il dilavamento di sostanze pericolose o di sostanze che creano pregiudizio per il raggiungimento degli obiettivi di qualità dei corpi idrici;

c) ogni altra attività che possa comportare il dilavamento delle sostanze pericolose di cui alle tabelle 3/A e 5 dell’allegato 5 alla parte terza del decreto legislativo 152/2006;

d) ogni altra attività in cui vi sia il dilavamento di sostanze correlate al ciclo produttivo aziendale.”

Risulta evidente come tale Norma di attuazione non esemplifichi tutti i casi possibili e pertanto sia soggetta ad interpretazioni e valutazioni che vanno fatte di caso in caso. Ad oggi si è stabilita una prassi, in passato soggetta a lievi differenze dovute alle diverse sensibilità afferenti ai territori delle ex Province, con la quale identificare i casi in cui le acque meteoriche di dilavamento vanno convogliate, trattate, scaricate e quindi autorizzate dall’Ente Competente (la Regione).

A grandi linee si possono definire contaminate le acque di piazzale quando:

  • vengono svolte attività produttive all’aperto;
  • vi sono stoccaggi di materie prime, manufatti, rifiuti etc.;
  • vi sono aree di rifornimento o scarico di prodotti petroliferi.

Normalmente le aree di transito non vengono considerate come aree potenzialmente inquinate e quindi da autorizzare di default. In alcuni casi tuttavia, ad esempio le piazzole ecologiche, anche nelle aree di transito degli automezzi, le acque dovranno essere raccolte e convogliate ad un trattamento.

Infine si sottolinea che, essendo possibili diverse interpretazioni della Norma di attuazione del Piano di tutela delle Acque, sarebbe utile consultare preventivamente la Regione, quale Ente Competente al rilascio delle autorizzazioni, per una verifica puntuale.

Riferimenti normativi:

  • Piano Regionale di Tutela delle Acque del Friuli Venezia Giulia – Delibera di Giunta Regionale n. 591 del 15.03.2018.

No.

La normativa nazionale (D.Lgs 183/2017 che modifica il D.Lgs 152/2006, Testo Unico Ambiente) stabilisce che per gli impianti ed attività che producono emissioni in atmosfera le Regioni, all’interno delle autorizzazioni, sulla base delle caratteristiche degli impianti, delle attività presenti nello stabilimento e delle caratteristiche della zona interessata, possano imporre per le sostanze odorigene:

  • valori limite di emissione;
  • prescrizioni impiantistiche e gestionali;
  • criteri di localizzazione;
  • specifiche portate massime o concentrazioni massime di emissione odorigena

La normativa pertanto non individua a priori specifiche tipologie di attività per le quali è necessario produrre una valutazione di impatto odorigeno. Si osserva tuttavia che, anche quando non richiesta dall’autorità competente, la stima dell’impatto odorigeno per un’attività potenziale sorgente di odori è uno strumento di conoscenza utile per lo stesso proponente oltre che per chi autorizza e controlla.

Al fine di fornire elementi utili alla redazione di tale stima quantitativa, ARPA FVG ha pubblicato una linea guida dal titolo “valutazione dell’impatto odorigeno da attività produttive”. Tale linea guida è presente sul sito ARPA FVG al link che comprende le principali Linee guida e Procedure redatta dall'Agenzia sulla tematica Aria.

Riferimenti normativi:

  • Art. 272-bis del D.Lgs 152/2006 (così come modificato dal D.Lgs 183/2017).

La tecnica di drenaggio con sistemi wellpoint prevede l’aspirazione dell’acqua di falda superficiale attraverso una serie di unità aspiranti, costituite da strutture simili a pozzi di piccolo diametro dotati di filtro, e collegate tra loro e ad una pompa da vuoto.

In ambito bonifiche le scelte relative all’utilizzo di wellpoint, al tipo di trattamento delle acque emunte o alla loro gestione come rifiuti, ricadono in una valutazione del sito contaminato da approvarsi caso per caso in Conferenza di Servizi. I trattamenti da effettuare sull’acqua emunta dipendono dalla tipologia di contaminazione della falda (metalli, composti organici, etc.) e da quale sia il ricettore finale (la stessa falda oppure altro ricettore). I trattamenti effettuati devono garantire l’effettivo abbattimento degli inquinanti di interesse.

Come indicato dall’art. 243 del D.Lgs 152/2006 (Testo Unico Ambiente), l’acqua emunta, convogliata e trattata, è assimilata ad uno scarico industriale (per i limiti vedi l'allegato 5 della Parte III del D.Lgs 152/06 e s.m.i.) che in quanto tale va autorizzato. L’autorizzazione in campo bonifiche prevista dall’art. 242 comma 7 del D.Lgs 152/2006 (Testo Unico Ambiente) può far rientrare al suo interno le altre autorizzazioni, compresa quella allo scarico, se negli elaborati di progetto sono contenuti tutti gli elementi utili e necessari alla sua valutazione; in alternativa lo scarico deve essere oggetto di altra autorizzazione (ad es. AUA).

In ambito edilizio i sistemi wellpoint rappresentano una delle tecniche più utilizzate per drenare l’acqua di falda nei cantieri, evitando l’allagamento degli scavi: prevede l’abbassamento temporaneo del livello della falda superficiale e la successiva immissione dell’acqua raccolta in un ricettore finale.

In tal caso l’acqua emunta, se non viene a contatto con i materiali e le attrezzature di cantiere ma viene semplicemente rilasciata in corpo ricettore così com’è, mal si adatta alla definizione di scarico così come richiamato dall’art. 74 lettera ff del predetto Testo Unico Ambiente, pertanto non è richiesta sempre, in automatico, un’autorizzazione allo scarico.

Resta tuttavia sempre valido il principio di salvaguardia del corpo ricettore, tanto dal punto di vista chimico fisico (evidenze di contaminazioni causate ad esempio da un sito inquinato a monte del cantiere) che da quello idraulico, così come permangono le prerogative del gestore dell’impianto di depurazione nel caso in cui le acque vengano riversate in fognatura. Il Comune, che autorizza l’opera, potrà valutare eventuali prescrizioni anche in merito al rilascio delle acque di cui sopra oltre che a quanto prescritto dal DM 11/03/1988 (Norme tecniche riguardanti le indagini sui terreni e sulle rocce, la stabilità dei pendii naturali e delle scarpate, i criteri generali e le prescrizioni per la progettazione, l'esecuzione ed il collaudo delle opere di sostegno delle terre e delle opere di fondazione).

In ogni caso, se a causa di contaminazioni del cantiere, inquinamenti pregressi della falda, o altri motivi, l’acqua necessita di un trattamento (anche solo di sedimentazione/filtrazione) prima di essere immessa in un corso ricettore, allora la sua gestione rientra nella normativa degli scarichi. Anche in tal caso, come per le bonifiche, gli eventuali trattamenti da effettuare sull’acqua emunta dipendono dalla tipologia di contaminazione riscontrata (metalli, composti organici, etc.) e da quale sia il ricettore finale (corpo idrico superficiale, fognatura oppure altro ricettore).

Riferimenti normativi:

  • art. 243 del D.Lgs 152/2006 e s.m.i. (Testo Unico Ambiente);
  • allegato 5 della Parte III del d.Lgs 152/06 e s.m.i (Testo Unico Ambiente);
  • art. 74 lettera ff) del D.Lgs 152/2006 e s.m.i. (Testo Unico Ambiente);
  • DM 11/03/1988 (Norme tecniche riguardanti le indagini sui terreni e sulle rocce, la stabilità dei pendii naturali e delle scarpate, i criteri generali e le prescrizioni per la progettazione, l'esecuzione ed il collaudo delle opere di sostegno delle terre e delle opere di fondazione).

Nel caso dei siti industriali dismessi il riferimento normativo è il Decreto Ministeriale 14 maggio 1996 Allegato 1, che definisce le normative e metodologie tecniche per la valutazione del rischio, il controllo e la bonifica di siti industriali dismessi.

Il primo passo è la verifica dell’effettiva presenza di amianto, la sua classificazione e la sua localizzazione da parte del proprietario dell’area o dall’acquirente avvalendosi di un tecnico esperto.

Una volta eseguito un primo inventario della presenza di amianto segue un secondo passo, quello della valutazione del rischio di rilascio di fibre attraverso la verifica dello stato di conservazione del manufatto contenente amianto con le regole tecniche del D.M. 6 settembre 1994. Tale responsabilità è in capo al proprietario dell’immobile (e all’Amministratore Delegato nel caso di un’impresa), il quale dovrà, anche ai sensi del DM 6 set 1994 – punto 4, far effettuare un’ispezione da un tecnico esperto con annessa valutazione del rischio. Nel caso che gli edifici siano adibiti ad attività lavorative tale valutazione va ricompresa nella valutazione dei rischi per la salute e la sicurezza dei lavoratori, prevista dal D. Lgs 81/2008.

Il risultato della valutazione può determinare la necessità di azioni di manutenzione/bonifica che il proprietario/responsabile dell’attività che vi si svolge, dovrà attuare. Le attività di bonifica dell’amianto possono consistere in: rimozione, incapsulamento e confinamento. La rimozione è indicata in condizioni di grave ed esteso degrado del materiale.

Resta comunque fatto salvo, come indicato dal D.M. 6 Settembre 1994, l’obbligo per il proprietario dell’immobile e/o il responsabile dell’attività che vi si svolge, dal momento in cui viene rilevata la presenza di materiali contenenti amianto nell’ edificio, di attuare un programma di controllo periodico e manutenzione. Nel caso siano in opera materiali friabili occorre provvedere a redigere un dettagliato rapporto corredato di documentazione fotografica. Copia del rapporto dovrà essere trasmessa alla Azienda sanitaria competente per territorio.

La Regione Friuli Venezia Giulia con DPREG n. 108/2018 ha approvato il Piano Regionale Amianto, il quale definisce la strategia per effettuare la mappatura e l’aggiornamento informatizzato della presenza dei manufatti contenenti amianto sul territorio regionale, le azioni di comunicazione/informazione sull’argomento nonché gli incentivi per la bonifica, con specifici aiuti economici rivolti a privati, ad imprese e ad istituzioni pubbliche.

Per approfondimenti sull’argomento è possibile visitare la sezione Gestione dei rifiuti e tutela dall'inquinamento - AMIANTO del sito della Regione FVG.

No, non è la dimensione del lavoro da fare che determina la necessità di essere autorizzato o meno con l'art.208 ma la tipologia del lavoro che viene effettuata (una o più operazioni di smaltimento o di recupero di rifiuti, anche pericolosi).
Nell’autorizzazione l’autorità competente individua i tipi ed i quantitativi massimi di rifiuti che possono essere trattati.

Gli impianti mobili destinati al trattamento dei rifiuti ex art. 208 comma 15 sono soggetti ad un atto autorizzativo composito che si divide in:

  • un momento preventivo dove la Regione autorizza l’impianto ad eseguire l’attività nel complesso ed in ambito nazionale, in via definitiva;
  • una fase successiva nella quale l’interessato (proprietario o diverso utilizzatore) deve comunicare, almeno venti giorni prima dell'installazione dell'impianto, alla Regione nel cui territorio opererà, specifiche dettagliate relative alla campagna di attività, allegando l'autorizzazione e l'iscrizione all'Albo nazionale gestori ambientali, nonché l'ulteriore documentazione richiesta. La regione può adottare prescrizioni integrative oppure può vietare l'attività con provvedimento motivato qualora lo svolgimento della stessa nello specifico sito non sia compatibile con la tutela dell'ambiente o della salute pubblica.

Sono esclusi dall’applicazione dell’art. 208 comma 15 le attività degli impianti mobili che effettuano la disidratazione dei fanghi generati da impianti di depurazione e reimmettono l'acqua in testa al processo depurativo presso il quale operano, ed esclusi i casi in cui si provveda alla sola riduzione volumetrica e separazione delle frazioni estranee.

Diverse sentenze definiscono chiaramente che l'attività di frantumazione inerti non rientra tra quelle in deroga in quanto questi impianti operano una vera e propria trasformazione dei materiali e non una mera riduzione volumetrica e semplice separazione di frazioni estranee.

Riferimenti normativi: D.Lgs 152/06 e s.m.i. art. 208.

Contatti

Le richieste possono pervenire:

  • telefonicamente ai numeri 0432 1918033, 0432 1918180;
  • attraverso e-mail: informimpresa@arpa.fvg.it;
  • in videoconferenza previo contatto di cui sopra

recandosi, previo appuntamento, presso le sedi:

  • a Pordenone presso la sede di Confindustria Alto Adriatico in Piazzetta del Portello, 2 - 33170 Pordenone
  • a Gorizia presso il Dipartimento Arpa FVG in via III Armata, 69.
  • a Udine presso la sede di Confindustria Udine, Palazzo Torriani, Largo Carlo Melzi 2 - 33100 Udine

Ultimo aggiornamento 21/3/2022

URL: https://www.arpa.fvg.it/temi/progetti/informimpresa/