Regione autonoma Friuli Venezia GiuliaRegione autonoma Friuli Venezia Giulia

I valori di fondo

Per valore di fondo si intende il valore di distribuzione di una sostanza nel suolo. Può derivare da processi di natura geochimica, biologica, idrogeologica (Fondo naturale), oppure anche da sorgenti antropiche diffuse che rappresentano lo stato più indisturbato possibile (Fondo antropico).

La valutazione dei valori di fondo è importante sia da un punto di vista puramente conoscitivo, sia da un punto di vista normativo, quando è necessario "tarare" i valori soglia in contesti particolari dove, appunto, il superamento è dovuto a questioni naturali o "naturalizzate". Ad esempio, un suolo può essere naturalmente ricco di mercurio per questioni geologiche, come ad esempio il Monte Amiata in Toscana, oppure si ha un caso di contaminazione diffusa e pregressa come nel caso della Pianura Isontina (vedi oltre).

In tale contesto, Arpa FVG dal 2016 è impegnata in una campagna di valutazione dei valori di fondo in tutta la Regione, sia per inquinanti inorganici (metalli) che organici. I campionamenti, salvo casi specifici, avvengono esclusivamente in aree pubbliche previa concessione delle amministrazioni competenti.

Studio dei valori di fondo di inquinanti organici e inorganici nella Pianura Isontina

Un primo piano stralcio ha riguardato la Pianura Isontina, principalmente per quanto concerne la contaminazione diffusa da Mercurio (Hg), sotto forma di elemento e di minerale (Cinabro) che origina dai piani alluvionali e terrazzi fluviali dell'Isonzo, storicamente apportatore di tale sostanza. La sorgente è identificata nella miniera di Jdria in Slovenia, la seconda più grande al mondo per l'estrazione di mercurio, rimasta operativa per circa 500 anni fino alla sua chiusura nel 1995.

Da un punto di vista amministrativo l'indagine ha coinvolto i seguenti comuni in Provincia di Gorizia:

  • Farra d’Isonzo,
  • Fogliano-Redipuglia,
  • Gorizia,
  • Gradisca d’Isonzo,
  • Grado,
  • Monfalcone,
  • Ronchi dei Legionari,
  • Sagrado,
  • San Canzian d’Isonzo,
  • San Pier d’Isonzo,
  • Savogna d’Isonzo,
  • Staranzano,
  • Turriaco e
  • Villesse.

Allo scopo di ottenere una migliore demarcazione dell’area, distinta da quella caratterizzata potenzialmente da valori anomali di Hg, sono stati aggiunti ulteriori punti di indagine nei seguenti comuni limitrofi:

  • Mariano del Friuli,
  • Mossa e
  • Romans

Infine alcuni punti ricadono nella Provincia di Udine, ovvero nei territori dei Comuni di:

  • Aquileia,
  • Fiumicello,
  • Ruda e
  • Villa Vicentina.

In totale sono stati valutati 135 punti di indagine in un'area di 209 km2 (Fig. 1)

Per saperne di più consulta lo studio: "Valori di fondo nel territorio regionale al di fuori delle aree SIN - Piano stralcio per il parametro mercurio nei suoli della pianura isontina"

Figura 1

Studio dei valori di fondo di inquinanti inorganici nella vallata di Cave del Predil

Un altro studio in corso riguarda la vallata interessata dalla miniera di Cave del Predil nel Comune di Tarvisio (Ud). L'attività estrattiva era, fino alla sua chiusura avvenuta nel 1991, prevalentemente indirizzata alla produzione di Piombo e Zinco a cui sono associati diversi altri metalli. Al momento sono stati valutati 21 punti di indagine come riportato nella figura seguente. I risultati saranno disponibili a conclusione del lavoro, presumibilmente a fine 2022.

Figura 2 -

Valori di fondo nella Pianura Pordenonese

Congiuntamente Arpa FVG sta portando avanti l'attività di campionamento nella Pianura Pordenonese (Fig. 3). Allo stato attuale sono stati valutati 50 punti di indagine nei Comuni di:

  • Arba
  • Cavasso Nuovo,
  • Fanna,
  • Maniago,
  • Morsano al Tagliamento,
  • Sequals,
  • Spilimbergo,
  • San Vito al Tagliamento.

I risultati verranno pubblicati a compagna di indagine ultimata.

Figura 3 -

Ultimo aggiornamento 18/3/2022

URL: https://www.arpa.fvg.it/temi/temi/suoli-siti-contaminati-e-biodiversit/ultimi-pubblicati/i-valori-di-fondo/