Regione autonoma Friuli Venezia GiuliaRegione autonoma Friuli Venezia Giulia

Qualità dei suoli

Arpa FVG per quanto riguarda il suolo si occupa di:

  • uso e consumo del suolo
  • valori di fondo dei suoli
  • supporto tecnico in materia di utilizzazione agronomica dei fanghi di depurazione
  • indicatori biologici di qualità dei suoli
  • biomonitoraggio ambientale del suolo tramite la metodica QBS (Qualità Biologica dei Suoli)
  • biomonitoraggio dell'aria tramite licheni come bioindicatori

Consumo di suolo

Il consumo di suolo, di estrema rilevanza in relazione a numerosi servizi ecosistemici quali la produzione di cibo e materie prime, la sicurezza idrogeologica etc, è definito come una variazione da una copertura non artificiale (suolo non consumato) a una copertura artificiale del suolo (suolo consumato).

Il monitoraggio del consumo di suolo segue un protocollo di interpretazione dei dati di telerilevamento che fa capo al Sistema Nazionale per la Protezione dell’Ambiente (SNPA), il quale ogni anno realizza il Rapporto nazionale “Consumo di suolo, dinamiche territoriali e servizi ecosistemici”.

Arpa FVG partecipa al monitoraggio del consumo di suolo tramite diversi Enti e progetti sia nazionali che internazionali. Di seguito vengono presentati i principali progetti e programmi che coinvolgono l'Agenzia:

Esempio di consumo di suolo

Valori di fondo di qualità dei suoli

Come riportato nella premessa della "Linea guida per la determinazione dei valori di fondo per i suoli e per le acque sotterrane SNPA", la determinazione dei valori di fondo (VF) è un elemento fondante del panorama normativo ambientale italiano. I VF possono costituire, se ne sussistono le condizioni e in base a criteri scientifici definiti, dei valori di riferimento che vanno a sostituire quelli di legge, agevolando quindi le procedure operative di gestione delle matrici ambientali in particolari condizioni di criticità, quali ad esempio siti contaminati e situazioni di inquinamento diffuso.

Per maggiori informazioni, vai agli approfondimenti:

Qualità biologica del suolo (QBS)

La fauna del suolo è costituita da organismi particolarmente sensibili ad alterazioni di origine naturale o antropica e agli equilibri chimico-fisici che caratterizzano questo ambiente. Tali organismi sono quindi considerati buoni bioindicatori.

Il metodo di valutazione della Qualità Biologica del Suolo (QBS), in relazione alla presenza di micro e meso artropodi edafici (ovvero artropodi di dimensioni inferiori ai 2 mm che vivono nel suolo), permette di rilevare effetti di disturbo pregressi e contemporaneamente di rilevare miglioramenti della qualità del suolo, in tempi decisamente inferiori rispetto agli indicatori di stato normalmente in uso.

Per saperne di più, vai agli approfondimenti

"Il metodo QBS come strumento di conoscenza della biologia dei suoli in relazione alle pressioni antropiche e naturali" - Poster

L'utilizzo del metodo QBS-AR nel biomonitoraggio della qualità dei suoli: variabilità interstagionale dei risultati applicata al caso studio di Maniago - Tesi di laurea

Ultimo aggiornamento 21/3/2022

URL: https://www.arpa.fvg.it/temi/temi/suoli-siti-contaminati-e-biodiversit/sezioni-principali/qualita-dei-suoli/