sei in: home page » archivio news » Informimpresa nella sede di Unindustria - Pordenone Stampa

Informimpresa nella sede di Unindustria - Pordenone

08/08/2018

Informimpresa_ArpaFVG, lo sportello per le imprese dell’ARPA è da qualche giorno trasferito in Unindustria Pordenone. La nuova location è stata prescelta dopo i primi due anni di permanenza dell’Agenzia nei locali del Polo Tecnologico che ha testato in anteprima questa significativa innovazione gestionale fortemente voluta dal direttore generale di Arpa, Luca Marchesi.

Ogni due settimane, di regola il martedì mattina, lo sportello è aperto per fornire indirizzi ed orientamento su procedure, tecniche e soluzioni operative appunto per gli aspetti ambientali di aziende artigiane, commerciali e industriali.

“Non si tratta di consulenza, vietata per legge – precisa Marchesi – ma di un luogo di condivisione di orientamenti su tematiche e procedure spesso soggette ad interpretazione dove le aziende possono sentire i pareri dei massimi esperti di Arpa prima di intraprendere ad esempio la presentazione di autorizzazioni”.

Arpa quindi come supporto di prevenzione piuttosto che organismo di controllo, dove consulenti e aziende si incontrano prima che possano crearsi problemi sia di carattere ambientale che burocratico. Aziende in primis viste come destinatarie di sostegno per una reale diminuzione degli impatti ambientali: una rivoluzione che questa Direzione di Arpa ha mutuato dalla Lombardia e che sta portando risultati importanti.

«In questi due anni il viavai di imprenditori rivoltisi ad Arpa per consigli e confronti – ha spiegato il DG del Polo, Franco Scolari – è stato sensibile, ma avvicinare lo sportello Informimpresa ancor più alla casa delle Imprese porterà ulteriori occasioni di contatto su argomenti di sicuro interesse, primo far tutti la problematica della valorizzazione delle polveri di legno trattato dall’industria del mobile e dei componenti. Ma non solo: lo sportello, fisicamente in Unindustria, si rivolge a chiunque abbia necessità come i Comuni, le Aziende Sanitarie e le associazioni ambientaliste».