sei in: home page » archivio news Stampa

Comitato scientifico: collaborazioni e Rapporto Stato Ambiente

15/06/2017

Si è tenuta nei giorni scorsi una seduta del Comitato Scientifico di ARPA FVG, che ha affrontato alcuni temi di grande importanza per qualificare ulteriormente, in termini di eccellenza ed autorevolezza, l’operato dell’Agenzia regionale per l’ambiente.

In particolare sono state valutate alcune proposte di collaborazione fra ARPA e gli enti di ricerca regionali (Università, OGS, IRCCS, …), che si svilupperanno sui temi della rilevazione dell’amianto sul territorio, degli studi ambientali ed epidemiologici, dei cambiamenti climatici, delle misure dei flussi atmosferici di interesse per le analisi della qualità dell’aria e per il meteo, della modellistica marina.

Il Comitato ha anche esaminato i rilievi sinora svolti mediante i bioindicatori (in particolare i licheni) nell’area monfalconese ed ha sin da subito ipotizzato ulteriori linee di sviluppo dell’attività, riservandosi comunque di approfondire ulteriormente la materia.

Tra gli argomenti affrontati anche lo stato di avanzamento dei lavori per l’elaborazione del prossimo Rapporto sullo stato dell’Ambiente per il Friuli Venezia Giulia. A tale proposito il Comitato ha apprezzato quanto sinora fatto da Arpa ed ha espresso utili osservazioni e suggerimenti per meglio contestualizzare il lavoro, individuandone più chiaramente gli obiettivi e la strutturazione.

Il Comitato scientifico di Arpa, nato nel 2016, è attualmente composto da tre Docenti universitari in rappresentanza delle Università regionali (Udine, Trieste e Sissa) e da due dirigenti dell’Agenzia, fra cui il Direttore Tecnico Scientifico. Il Comitato ha lo scopo di esprimere valutazioni utili a comprendere l’adeguatezza in termini scientifici dell’azione dell’Agenzia per l’ambiente rispetto ai propri compiti istituzionali e formulare proposte finalizzate a garantire il continuo allineamento ai migliori standard nazionali e internazionali. Il Comitato ha anche la funzione di attivare delle sinergie e delle relazioni stabili con il mondo dell’Università e della Ricerca.