sei in: home page » radiazioni » campi elettromagnetici Stampa

Monitoraggio delle linee elettriche a 380 kV

380kV_TracciatiNel 2009 ARPA FVG ha iniziato una campagna di controllo sistematico dei livelli di induzione magnetica generati delle linee elettriche ad altissima tensione (380 kV); l’indagine ha interessato il territorio delle province di Udine, Pordenone e Gorizia (in provincia di Trieste non risultano linee elettriche a 380 kV).

 

L’attività è stata svolta in diverse fasi:

    1. Inizialmente sono stati individuati dei criteri per stabilire la scala di priorità dei controlli da effettuare nei comuni attraversati dagli elettrodotti, introducendo un indicatore di rappresentatività che tiene conto della lunghezza del tracciato delle linee elettriche nel comune e del numero di edifici all’interno di una distanza di 50 m dall’asse delle linee.
  1. Successivamente, a seguito di sopralluogo e grazie alla collaborazione delle Amministrazioni Comunali, sono stati scelti i siti di interesse dove sono state effettuate le misurazioni del campo di induzione magnetica con centraline di monitoraggio in continuo.
  2. Infine, per stimare il livello di campo di induzione magnetica in qualunque giorno dell'anno, anche diverso da quello di misura, in alcuni casi è stato possibile applicare un metodo indiretto di valutazione, estrapolando il valore di induzione a partire dalle misure eseguite e dai dati storici di corrente dell'elettrodotto.

I tracciati delle linee elettriche, la localizzazione dei punti di misura e gli esiti del monitoraggio sono direttamente consultabili sul supporto cartografico del sito di ARPA FVG.

 

 380kV_istogramma

 

In tutti i punti di monitoraggio, scelti secondo criteri di rappresentatività, è stato verificato che la massima mediana dell’induzione magnetica misurata nelle 24 ore non supera il valore di attenzione di 10 µT (art. 3, comma 2, del D.P.CM. 8 luglio 2003). I valori massimi di induzione magnetica e i valori di campo elettrico sono tutti inferiori ai limiti di esposizione pari rispettivamente a  100 µT e a 5000 V/m (art. 3, comma 1, del D.P.CM. 8 luglio 2003).

Le informazioni complete sull’attività svolta nelle province di Udine e Pordenone sono contenute in una relazione tecnica nella quale sono riportati gli esiti delle misure e le elaborazioni dei dati di induzione magnetica in funzione dell’andamento storico della corrente nelle linee elettriche monitorate. Per quanto riguarda la provincia di Gorizia, è stata conclusa la seconda fase dell’indagine e attualmente è in fase di svolgimento l’elaborazione dei dati. 



ultimo aggiornamento: giovedì 12 gennaio 2017