Regione autonoma Friuli Venezia GiuliaRegione autonoma Friuli Venezia Giulia

Dall’approccio classico a quello futuro per realizzare modelli di realtà complesse

E’ risaputo che il calcolo ad alte performance è indispensabile per l’esecuzione di modelli numerici che hanno l’obiettivo di simulare realtà complesse. Il Centro Regionale di Modellistica Ambientale di ARPA FVG ne è consapevole e per questo motivo presta particolare attenzione all’efficienza del proprio sistema di calcolo: la FENICE . La FENICE è un calcolatore ad alte performance di concezione classica.

L’approccio massivo classico, nell’uso della potenza di calcolo, ha origine con l’inizio dell’era dei calcolatori moderni e continua fino ai giorni nostri . La tecnologia ha aumentato esponenzialmente la potenza di calcolo delle macchine , le quali sono basate su alcuni concetti fondamentali, formulati da 2 geniali scienziati, John von Neumann e Alan Turing . Con l’inizio del XXI secolo, siamo giunti alle porte di un nuovo modo di calcolare, quindi di realizzare simulazioni numeriche del mondo che ci circonda. Infatti la computazione quantistica e l’uso dell’intelligenza artificiale prospettano una rivoluzione rispetto all’approccio classico, superandone alcuni limiti .

Per questo motivo, si stanno concentrando risorse in collaborazioni per la realizzazione di centri di studio ed applicazione su questi nuovi approcci al calcolo. Un esempio è il costituendo centro per il calcolo ad alte performance, Intelligenza Artificiale e Calcolo Quantistico interamente dedicato alle tematiche meteorologiche e del clima , che nascerà anche con il contributo del nuovo centro di calcolo ad alte performance del Centro Europeo per le previsioni meteorologiche a medio termine (ECMWF), che si sta insediando a Bologna.

Quando la prima computazione quantistica sarà utilizzata dall’ARPA FVG? Non è dato ancora sapere, ma è certo che questo accadrà.

Dall’approccio classico a quello futuro per realizzare modelli di realtà complesse

URL: https://www.arpa.fvg.it/news/news/dallapproccio-classico-a-quello-futuro-per-realizzare-modelli-di-realt%C3%A0-complesse/