sei in: home page » radiazioni » radioattività » radon » come si misura il radon Stampa

Come si misura il Radon

L' unico metodo sicuro per accertare la presenza di gas radon e la relativa concentrazione è effettuare le misurazioni tramite appositi rilevatori.

Per la rilevazione del radon si possono utilizzare tre differenti approcci di campionamento:

  • istantaneo, per la misurazione del contenuto di radon in singoli campioni d'aria o d'acqua in un breve intervallo di tempo (misure istantanee);
  • continuo, per la misurazione delle fluttuazioni di concentrazione in tempi dell'ordine dell'ora; la strumentazione è complessa e permette cicli di misurazione in automatico;
  • integrato, per misurazioni che forniscono un valore medio temporale della concentrazione di radon in un periodo che può variare da alcuni giorni a diversi mesi.

 

Le tecniche di campionamento del radon possono inoltre essere distinte in base alla strumentazione utilizzata, che può essere attiva o passiva, a seconda dell’utilizzo o meno di alimentazione elettrica. 

 

Come richiedere una misura

L’ARPA FVG svolge a pagamento un servizio di misurazione della concentrazione di radon per privati o per aziende ed effettua d’iniziativa misure di screening della concentrazione di radon nelle scuole di ogni ordine e grado e nei nidi d’infanzia della regione.

Per le richieste contattare la dott.ssa Silvia Pividore al numero 0432/1918376 oppure via mail all'indirizzo silvia.pividore@arpa.fvg.it.

E' possibile anche inviare una richiesta via mail utilizzando l'apposito modulo contatti in cui si prega di indicare anche un numero di telefono per essere ricontattati.

 

Privati

Presso la propria abitazione possono essere effettuate delle misure di concentrazione di radon. I livelli di riferimento con cui confrontare i dati sono sempre medie annue.

E’ importante quindi che le misure siano di lungo periodo, per tener conto delle fluttuazioni stagionali del radon. Un buon compromesso può consistere nell’effettuazione di misure di durata pari a tre – cinque mesi, in periodo autunno-invernale.

In tal modo si ottiene verosimilmente una stima cautelativa dei valori annui.

E’ possibile acquistare i dosimetri per effettuare misure presso la propria abitazione: i dosimetri vengono inviati a domicilio con le istruzioni per il posizionamento e per il successivo reinvio al laboratorio.

Dopo l’analisi riceverete a casa il certificato contenente i risultati e i livelli di riferimento.

Condizioni di fornitura:

Prezzo del singolo dosimetro (comprensivo delle spese di sviluppo e invio del certificato di analisi): 70 euro + IVA.

Pagamento a 30 gg dalla data di invio/consegna del dosimetro (all'atto del quale verrà emessa fattura) mediante bonifico.

 

Luoghi di lavoro

Nei luoghi di lavoro in cui può essere applicato il D. Lgs. 241/00 le misurazioni devono avere una durata annua.

Il posizionamento ed il ritiro dei dosimetri viene effettuato da personale di ARPA FVG.

Al termine della misurazione viene rilasciata una relazione tecnica finale contenente i risultati e i livelli di riferimento legislativi. 

Preventivo su richiesta. 

Per le richieste contattare la dott.ssa Silvia Pividore al numero 0432/1918376 oppure via mail all'indirizzo silvia.pividore@arpa.fvg.it.

E' possibile anche inviare una richiesta via mail utilizzando l'apposito modulo contatti in cui si prega di indicare anche un numero di telefono per essere ricontattati.

 

Scuole e nidi d'infanzia

Presso tutte le scuole di ogni ordine e grado e presso i nidi d’infanzia della regione sono state effettuate d’iniziativa misure di screening della concentrazione di radon.

Nuove misurazioni vengono effettuate gratuitamente presso nuove strutture (anche nidi familiari) oppure presso strutture che siano state oggetto di ampliamenti e/o ristrutturazioni.

Ogni nuova campagna di misurazione viene effettuata esclusivamente nel periodo gennaio – giugno di ogni anno.

Per le richieste contattare la dott.ssa Silvia Pividore al numero 0432/1918376 oppure via mail all'indirizzo silvia.pividore@arpa.fvg.it.

E' possibile anche inviare una richiesta via mail utilizzando l'apposito modulo contatti in cui si prega di indicare anche un numero di telefono per essere ricontattati.



ultimo aggiornamento: martedì 28 febbraio 2017