sei in: home page » radiazioni » radioattività » radiazioni artificiali Stampa

La radioattività nelle acque potabili

Il decreto legislativo 31/01 “Attuazione della direttiva 98/83/CE relativa alle acque destinate al  consumo umano” prevede esplicitamente, e per la prima volta, l'obbligo di verificare il contenuto nelle acque di sostanze radioattive di origine sia naturale che artificiale.

La raccomandazione della Commissione Europea 2000/473/Euratom prevede, per le acque potabili, il controllo della radioattività nell'acqua derivata dai più importanti bacini sotterranei e di scorrimento e dalle principali reti di distribuzione.

Il D.Lgs 31/01 prevede, per quanto riguarda la radioattività, la verifica del rispetto di due parametri: la concentrazione di trizio (H-3) ed il valore della dose totale indicativa, che non devono superare i valori riportati nella tabella seguente:

 

RadionuclidiValore limite
Trizio (3H)  100 Bq/l
Dose totale indicativa* 0.10 mSv/anno

Valori di parametro stabiliti dal D. Lgs. 31/01

*Ad eccezione del trizio, potassio-40, radon e prodotti di decadimento del radon

Nell'ambito di un piano concordato con la Direzione Centrale Salute e Protezione Sociale regionale, sono stati analizzati 65 campioni prelevati dalle principali sorgenti di approvvigionamento degli acquedotti regionali.

Nei campioni di acqua potabile prelevati sia in provincia di Gorizia che dall'ASS3 Alto Friuli, dall'ASS4 Medio Friuli e dall'ASS5 Bassa Friulana non sono state misurate concentrazioni superiori alla minima attività rilevabile.

In 12 dei 21 campioni prelevati in provincia di Pordenone sono state riscontrate concentrazioni di Trizio superiori alla minima attività rilevabile, comunque molto al di sotto del valore limite di 100 Bq/l e del tutto confrontabili con i valori di concentrazione che si riscontrano nelle acque piovane.

I valori leggermente più elevati delle concentrazioni di trizio misurate nei campioni provenienti

dall'ASS6 Friuli Occidentale portano ad ipotizzare che il tempo di ricarica delle falde acquifere, da cui sono stati prelevati i campioni, sia inferiore rispetto ai tempi di ricarica delle altre falde.



ultimo aggiornamento: mercoledì 13 marzo 2013