sei in: home page » radiazioni » news Stampa

Convegno organizzato da ARPA FVG “Chernobyl: 30 anni di monitoraggi e studi in Friuli Venezia Giulia”

21/06/2016

Ieri pomeriggio, 20 giugno 2016, oltre 200 persone hanno partecipato al convegno “Chernobyl, 30 anni di monitoraggi e studi in Friuli Venezia Giulia” organizzato da ARPA FVG presso l’Auditorium del palazzo della regione di Udine.

Il convegno, presieduto dal dott. Luca Marchesi, Direttore Generale di ARPA FVG, è stato aperto dall’Assessore Regionale all’Ambiente dott.ssa Sara Vito. Hanno fatto seguito gli interventi dei dottori Renato Padovani e Maria Rosa Malisan, ex Direttori della Fisica Sanitaria dell’Ospedale di Udine, struttura che ha effettuato la maggior parte delle misurazioni in regione al tempo dell’incidente di Chernobyl.

Il dott. Padovani ha illustrato cosa successe a Chernobyl 30 anni fa e come la nube radioattiva si diffuse in Europa ed in Friuli Venezia Giulia. E’ passato poi a spiegare come reagirono le strutture tecniche che furono deputate alle prime misure e quali furono le contromisure adottate per ridurre la dose alla popolazione, sottolineando l’importanza delle stesse.

La dottoressa Malisan ha illustrato quale possa essere considerata la ricaduta sanitaria dell’incidente sulla popolazione del Friuli Venezia Giulia: le previsioni dei modelli di rischio indicano per la nostra Regione un aumento di tumori irrilevante, e di fatto impossibile da osservare, rispetto al tasso di incidenza spontaneo. Un fattore preponderante per l’esposizione è risultata la tempestività delle valutazioni ambientali e della adozione di contromisure, soprattutto nei confronti della popolazione più a rischio. Fu rilevante l’impatto psicologico conseguente alla contraddittorietà delle informazioni e fu registrata una diminuzione di 1100 nati in Friuli Venezia Giulia (-6,5%) nel biennio 1985/86.

Sono seguiti gli interventi della dottoressa Giovani e del dottor Garavaglia, del Centro Regionale per la Radioprotezione (CRR) di ARPA FVG. La dottoressa Giovani ha brevemente sintetizzando 30 anni di studi radioecologici svolti in Friuli Venezia Giulia: il territorio del Friuli Venezia Giulia è stato contaminato in maniera significativa dai radionuclidi provenienti dalla nube radioattiva a seguito dell’incidente di Chernobyl 1986 ed il Cs-137 è ancora presente sul territorio regionale, anche se in concentrazione pari a metà di quanto era stato deposto al suolo nel 1986. La sua presenza permette lo studio dei suoi movimenti all’interno degli ecosistemi, consentendo, tra l’altro, lo sviluppo di protocolli di campionamento e misura di numerose matrici ed indicatori di radioattività ambientale quali, oltre ai suoli, i sedimenti, funghi, i muschi, i mieli, le alghe ecc. La maggior parte di questi protocolli sono stati sviluppati in Friuli Venezia Giulia e sono oggi usati a livello nazionale e, in alcuni casi, anche internazionale. La dott.ssa Giovani ha inoltre illustrato alcuni studi di dettaglio, in particolare volti alla valutazione dell’eventuale dose alla popolazione dovuta al consumo di particolari alimenti quali i funghi, la selvaggina ed i frutti di bosco.

Infine il dottor Garavaglia ha illustrato il funzionamento del Centro Regionale per la Radioprotezione di ARPA FVG, a partire dal suo ruolo all’interno della rete nazionale per il controllo della radioattività ambientale, per poi spiegare nel dettaglio il tipo di misure e controlli svolti dal centro stesso. Ha quindi parlato dei controlli sulla radioattività in aria e nelle acque, sul particolato atmosferico e sulla deposizione al suolo, sugli alimenti e sulle altre matrici ambientali, completando il quadro con le altre attività svolte dal CRR (gestione delle emergenze, misure e azioni di risanamento relative al radon, controllo dei rottami metallici ecc.). La relazione si è poi conclusa con una illustrazione sui risultati di questo tipo di misura.

A valle dell’evento, nelle giornate del 21 e 22 giugno, il pubblico che ieri si è iscritto, potrà effettuare delle visite guidate presso i laboratori di Udine del CRR.

Per ulteriori informazioni, è disponibile il seguente materiale:

-          Presentazione della relazione del dott. Padovani

-          Presentazione della relazione della dott.ssa Malisan

-          Presentazione della relazione del dott. Garavaglia

-          Presentazione della relazione della dott.ssa Giovani

-          Video dell'intervista dell'assessore Vito

-          Comunicato stampa