sei in: home page » radiazioni » campi elettromagnetici Stampa

Richieste d'intervento all'ARPA

PMM_misuraI cittadini interessati a conoscere i livelli di campo elettromagnetico presenti sul territorio della Regione possono visitare le pagine dedicate ai dati ambientali del nostro sito internet, consultando autonomamente le mappe della regione sulle quali vengono riportati sia le informazioni sulle "sorgenti" del campo elettromagnetico che gli esiti delle misure già effettuate dall’ARPA.

In particolare nella sezione dedicata agli impianti di telecomunicazioni è possibile visualizzare le misure del campo elettromagnatico prodotto dagli impianti di telecomunicazione (telefonia, radio, TV, ecc.), mentre in quella dedicata alle Linee elettriche quelle relative agli impianti di distribuzione e trasporto di energia elettrica (elettrodotti: linee elettriche, cabine di trasformazione, stazioni di trasformazioni. …)
Centralina_ELF

Qualora le misure ed i chiarimenti presenti nel sito non fossero soddisfacenti, esistono due modalità per richiedere l'intervento dell'ARPA per misurare i livelli di campo elettromagnetico:

  1. se la questione è di interesse pubblico (cioè coinvolge un certo numero di persone, ad esempio il condominio,  la zona, il quartiere,...) la richiesta deve essere inoltrata al Comune che poi, valutata l'entità, chiede l’intervento di competenza di ARPA;  in tal caso le misurazioni saranno effettuate selezionando le aree e i punti di misura che ARPA ritiene più esposti all'inquinamento elettromagnetico generato dagli impianti della zona.
  2. in alternativa può essere richiesto direttamente all’Agenzia un intervento di misura di tipo privato, ma in questo caso è necessario farsi carico degli oneri previsti per l’intervento (secondo quanto previsto dal Tariffario Arpa).

Nel seguito si riportano alcuni modelli per la richiesta di misura del campo elettromangetico.

 

Gli esiti delle misurazioni verranno trasmessi al commitente con un'apposita relazione e/o scheda di misurazione, saranno trattati nell’ambito del principio di riservatezza del Codice in materia di protezione dei dati personali di cui al D.Lgs. 196/2003, e di essi verrà data comunicazione al Comune e alla AAS di competenza.

Si precisa che ARPA-FVG esplica la propria attività di misurazione dei livelli di campo elettromagnetico esclusivamente all'interno del territorio della regione Friuli Venezia-Giulia; inoltre si ricorda che il richiedente è tenuto a garantire il regolare accesso all'area da monitorare sia per l'effettuazione delle misure puntuali che per il posizionamento delle centraline di monitoraggio.

 

Campi elettromagnetici generati da impianti per telecomunicazioni

radiofrequenzePer legge ogni nuovo impianto o modifica di impianto esistente è soggetta ad una valutazione preventiva da parte di ARPA che attesti il rispetto dei limiti previsti dalla legge per la protezione della popolazione dall’esposizione ai campi elettromagnetici (riferimenti normativi: Legge Regionale 3/2011 art. 8, 9, 10, 18 e 19 e legge Nazionale DLgs 259/03 art. 87 e smi; i limiti sono contenuti nel DPCM 08.07.03)).

Tale valutazione in regione viene effettuata con delle modalità particolarmente stringenti che sono specificate nell’Allegato n. 5 del Regolamento approvato con D.P.Reg. n. 094/Pres del 19/04/2005.

 

Se un cittadino desidera richiedere ad ARPA un intervento di tipo privato può effettuarlo utilizzando uno dei seguenti modelli:

  • misure puntuali di campo elettrico a radiofrequenze: viene effettuato uno screening dell’area oggetto dell'indagine e vengono registrate 6 misure di campo elettrico (come previsto dalla norma CEI 211-7 la misura viene eseguita mediando i valori istantanei di campo elettrico su di un intervallo temporale di 6 min).DocWord

  • misure in continuo del campo elettrico a radiofrequenza (CENTRALINE RF): dopo uo screening dell'area viene installata nel punto di interesse una centralina che registra un valore di campo elettrico ogni 6 minuti; tale valutazione è indicata se si presuppone una variazione rilevante del segnale nell’arco della giornata.DocWord

  • simulazione dal campo elettrico prodotto da un impianto per telecomunicazioni: è un’attività di valutazione utile nel caso di costruzioni di edifici in prossimità di impianti radioelettrici (telefonia, radio e TV) quando le informazioni già in possesso del Comune non siano sufficienti ad escludere la presenza di valori superiori ai limiti di legge nell’area di progetto.DocWord
 

Campi elettrici e magnetici generati da impianti di trasporto, distribuzione e trasformazione di energia elettrica

La normativa italiana definisce delle distanze dagli elettrodotti a cui si deve prestare attenzione al fine di rispettare i valori limite di esposizione ai campi elettromagnetici. Tali distanze, chiamate "Fascia di rispetto" e "Distanza di prima apporssimazione" (DPA), vengono meglio definite nella pagina  dedicata alle linee elettriche.

LINEE ELETTRICHE

In questa pagina è utile ricordare che qualora l'area in cui si desidera effettuare una misurazione si trovi ad una distanza dall'elettrodotto maggiore della DPA associata all’elettrodotto stesso allora il rispetto dei valori di legge è sempre garantito.

Per avere un'indicazione di massima delle DPA si rimanda alla pagina relativa alle "Valutazioni indicative sulle DPA", ricordando che i valori riportati in tabella sono stati calcolati per casi semplici e pertanto, non sono applicabili a casi complessi quali deviazioni della linea, incroci con altre linee o casi di parallelismo tra linee elettriche. Per i casi di esclusione dal calolo delle DPA e per le situazioni particolari (cabine, stazioni primarie, sottostazioni elettriche,...) si rimanda infine alle pagine di approfondimento.

 

Se un cittadino desidera richiedere ad ARPA un intervento di tipo privato può effettuarlo tramite l’invio dei seguenti modelli:

 

  • misure in continuo del campo magnetico a bassa frequenza (CENTRALINA ELF): in seguito allo screeneng dell'area d'indagine, viene individuato il punto di massima esposizione ed installata una centralina che memorizza il valore del campo magnetico registrando un dato al minuto; tale valutazione è indicata per edifici o aree già esistenti in prossimità di elettrodotti. La misura così ottenuta fornisce dei risultati confrontabili con i limiti di legge (DPCM 08.07.03).DocWord

 

  • verifica fasce di rispetto e DPA: è un’attività di valutazione da effettuarsi nel caso di progettazione di aree gioco per l’infanzia, di ambienti abitativi, di ambienti scolastici e di luoghi adibiti a permanenze non inferiori a quattro ore in prossimità di linee ed installazioni elettriche già presenti nel territorio. Viene effettuata tramite simulazione al calcolatore, sulla base dei dati costruttivi della linea elettrica forniti dal gestore, secondo quanto previsto dalla normativa.DocWord

 

  • relazione integrativa e calcolo esatto della fascia di rispetto: è un’attività di valutazione analoga alla verifica fasce di rispetto e DPA, ma si applica ai comuni che hanno già richiesto la valutazione delle DPA nell’intero territorio comunale per la linea in questione (elenco comuni)DocWord
 

Campi elettromagnetici generati da impianti per telecomunicazioni e/o elettrodotti

Qualora non fosse ben definita la tipologia della sorgente del campo elettromagnetico, o vi fosse la concomitanza di più tipologie di sorgenti sorgenti (ELF o RF) è possibile richiedere un intervento di tipo privato in cui il tecnico, sulla base delle evidenze strumentali, effettua uno screening dell'area e registra 6 misure di campo elettrico o magnetico.

La richiesta può essere effettuata secondo il modello allegatoDocWord

 

 

Le interferenze elettromagnetiche

Molto frequenti sono le segnalazioni/richieste d'intervento legate a problemi di malfunzionamento di apparecchiature elettroniche che utilizzano sistemi di comunicazione senza fili (disturbi di ricezione, malfunzionamenti dei telecomandi, degli apricancello, dei sistemi d'allarme,...).

Normalmente queste situazioni sono legate al fenomeno dell'interferenza tra i segnali elettromagnetici, e non alla presenza di campi elettromagnetici particolarmente intensi.

ARPA, nel settore delle radiazioni non ionizzanti, si occupa dell’aspetto dell’esposizione della popolazione ai campi elettrici e magnetici, mentre il tema delle interferenze è di competenza del Ministero dello Sviluppo Economico e Comunicazioni.

Ulteriori informazioni sono disponibili alla pagina: Le interferenze elettromagnetiche



ultimo aggiornamento: mercoledì 08 marzo 2017