sei in: home page » OSMER » news » “Che tempo farà a Gorizia domani?”, un incontro per le scuole Stampa

“Che tempo farà a Gorizia domani?”, un incontro per le scuole

28/11/2015

Quali cambiamenti climatici stanno avvenendo nel mondo? E nel nostro territorio? E quanto può intervenire ognuno di noi su questi cambiamenti? Se ne è parlato venerdì 27 dalle 9.30 al Conference Center di Gorizia, in via Alviano, nel convegno “Che tempo farà a Gorizia domani?” organizzato dalla Provincia di Gorizia, con la collaborazione della Regione FVG, rivolto agli studenti delle scuole superiori dell’isontino.

Numerosi gli interventi di esperti del settore coordinati dalla vicepresidente e assessore provinciale all'ambiente, Mara Černic, che nel suo intervento ha ricordato lo scopo dell’incontro:  “rendere consapevoli gli studenti che ogni nostra azione provoca una reazione nell’ambiente che ci circonda. Dobbiamo pertanto essere consapevoli di ciò, per far sì che queste azioni siano compatibili con il mondo attorno a noi”.

Ed è sotto gli occhi di tutti che anche in Friuli Venezia Giulia negli ultimi decenni si sono verificati dei cambiamenti nell’ambiente, dovuti sicuramente alle modificazioni del clima. Su questo argomento è intervenuto il meteorologo Stefano Micheletti dell’Osservatorio meteo dell’ARPA. Per Micheletti le principali evidenze di cambiamento climatico degli ultimi decenni sono la quasi scomparsa dei ghiacciai in Friuli Venezia Giulia, il costante aumento della temperatura media annuale (circa 1°-2 °C in più negli ultimi 50 anni), il raddoppio dei giorni con temperature superiori ai 30 °C. Ma anche il fatto che il 2014 è stato l’anno più caldo in assoluto degli ultimi 100 anni e che l’estate del 2015 ha presentato ben cinque ondate di calore. Questi andamenti riscontrati in Friuli Venezia Giulia sono coerenti con quanto viene registrato a livello mondiale, ed è per questo motivo che sono necessari interventi complessivi di mitigazione e adattamento, non solo a scala globale o regionale, ma anche e soprattutto tramite le scelte individuali.

L’iniziativa era inserita tra le iniziative della Settimana dell’Educazione allo Sviluppo Sostenibile coordinata da ARPA FVG–LaREA.