sei in: home page » laboratorio » Reti di monitoraggio Stampa

Reti di monitoraggio

Monitoraggio delle acque

FontanonIl monitoraggio ambientale delle acque è un processo dinamico. Devono essere pianificati ed ottimizzati i campionamenti nei numerosi corpi idrici definiti e continuamente aggiornati i metodi analitici per le nuove sostanze ritenute prioritarie o i cui limiti normativi sono sempre più bassi.

Per descrivere al meglio le pressioni del nostro territorio e supportare il processo decisionale il laboratorio effettua analisi, oltre che sulle matrici acque, biota e sedimenti, anche agli scarichi. Inoltre dedica le sue risorse ad ottemperare le richieste normative, ma anche a ricercare gli inquinanti emergenti.

 

Monitoraggio del suolo

suoli_campiL’attività di monitoraggio dello stato di qualità dei suoli è finalizzata alla valutazione della presenza e della distribuzione nei suoli stessi dei maggiori contaminanti normati a livello ambientale, non correlati a eventi di contaminazione puntuale conclamata. La finalità di raccolta dei dati è volta a fotografare la situazione attuale a scala regionale per comprendere e correttamente interpretare le future variazioni nel tempo.

Le informazioni ottenute in tale contesto possono trovare adeguata applicazione in tutti casi previsti dal D.Lgs 152/06 e dalle norme ad esso correlate dove viene richiesta l’individuazione, ad esempio, di valori di fondo o di fenomeni di contaminazione diffusa. Le stesse informazioni possono, peraltro, riscontrare conveniente utilizzo anche a livello di progetto e di pianificazione territoriale.

 

Monitoraggio dell'aria

aria1Il monitoraggio dell'aria ambiente in Friuli Venezia Giulia avviene mediante una rete di monitoraggio definita in seguito alle prescrizioni del D.Lgs. 155/10 e costituita da più di 30 stazioni.

Queste misurano e trasmettono in continuo le concentrazioni degli inquinanti indicati dalla normativa (PM10 e sostanze gassose come ozono, ossidi di azoto ed altri composti). I dati così raccolti vengono quotidianamente validati e pubblicati dalla Struttura di Arpa che si occupa della qualità dell'aria.

Per la determinazione di altri indicatori della qualità dell’aria (richiesti o meno dalla normativa vigente) è necessario il supporto del Laboratorio.