sei in: home page » aria » stato » pollini » news » Riunione tecnica sul metodo di campionamento e lettura dei pollini Stampa

Riunione tecnica sul metodo di campionamento e lettura dei pollini per la rete nazionale POLLnet

15/11/2016
Riunione tecnica sul metodo di campionamento e lettura dei pollini per la rete nazionale POLLnet
Riunione tecnica sul metodo di campionamento e lettura dei pollini per la rete nazionale POLLnet

Giovedì 10 novembre io si è tenuta una riunione tecnica presso la sede dei laboratori ISPRA di Castel Romano (Roma) con argomento il metodo di campionamento e lettura dei pollini per la rete nazionale POLLnet.

Sono stati presentati nel dettaglio i risultati del lavoro di validazione del Metodo POLLnet condotto lo scorso anno, che ha visto la partecipazione di molti operatori esperti delle varie Arpa, impegnati nella lettura di alcuni vetrini test.

A questa riunione hanno partecipato: 

  • Pierluigi Verardo di Arpa FVG, agenzia che coordina il lavoro di validazione;
  • Olga Moretti, referente rete pollini di Arpa Umbria;
  • Vincenzo De Gironimo, responsabile rete pollini di ISPRA;
  • il gruppo di metrologia di ISPRA coordinato da Stefania Balzamo.

Lo staff della dott.ssa Balzamo, ascoltato attentamente le premesse e le modalità del lavoro svolto, ha espresso un apprezzamento per tutto il lavoro, dalla corretta impostazione alla bontà dei risultati, che dimostra che in POLLnet c’è un gruppo consistente di persone professionalmente esperte: l’omogeneità delle letture, pur essendo state fatte in condizioni diverse denota una formazione comune consolidata.

Il secondo aspetto positivo è che il protocollo preparato per condurre questo lavoro era ben strutturato, ed i risultati ora sono di chiara interpretazione e massima utilizzazione, e possono essere usati per un ring test anche ai fini del mantenimento della qualifica degli operatori.

Sono state suggerite al gruppo POLLnet integrazioni a completamento del lavoro svolto, al fine di ulteriore peso scientifico al metodo proposto.

L’analisi dei dati portati in quella sede richiederà alcuni mesi, per cui si pensa che l’approvazione definitiva del metodo avverrà entro la prima metà del prossimo anno.