sei in: home page » aria » pressioni » Stampa

Pressioni

Pressioni - logica DPSIRARIA - Pressioni / Jean-Baptiste Guillaumin (1841–1927): The Seine

 

 

Attività estrattive

Lo sfruttamento di risorse del sottosuolo o a cielo aperto comporta l'immissione di inquinanti nell'aria in conseguenza dell'utilizzo di macchine operatrici, oltre alla produzione di particelle materiali sospese nell'atmosfera, quali conseguenza del movimento del terreno.

Questo tipo di pressione è diffusa nella nostra regione ed esempi sono: le cave per estrazione di ghiaie, pietra da costruzione ed altri materiali.

continua >>

 

 

inizio pagina

 

 

Cantieri di lavoro

Nel caso di realizzazione di infrastrutture di rilievo, la fase di cantiere deve essere presa in considerazione per le pressioni che esercita sull'aria ambiente. Infatti l'utilizzo di macchini operatrici, le operazione di sterro e riporto, la rimozione di manufatti vecchi e la costruzione di quelli nuovi implica l'emissione di inquinanti. Tali inquinanti generalmente sono gas di combustione e polveri sottili.

Negli ultimi anni esempi importanti, per quanto riguarda il Friuli Venezia Giulia, sono i cantieri stradali e quelli riguardanti la realizzazione di grossi centri commerciali.

continua >>

 

 

inizio pagina

 

 

Catasto emissioni

Il censimento delle sorgenti emissive di inquinanti immessi nell'aria è uno dei fondamentali per la valutazione delle pressioni esercitate dalle attività umane sull'ambiente.

La raccolta sistematica di informazioni riguardanti la quantità, il tipo, il luogo e le modalità di emissione di sostanze inquinanti permette la realizzazione di base dati che vanno sotto il nome di catasti. Attraverso queste fonti è possibile individuare i settori produttivi maggiormente insistenti sull'ambiente e alimentare i modelli di simulazione della dispersione degli inquinanti nell'atmosfera.

Il Centro Regionale di Modellistica Ambientale dell'ARPA FVG cura il catasto regionale delle emissione in atmosfera. [1]

continua >>

 

 

inizio pagina

 

 

Combustioni biomasse

Recentemente, studi approfonditi curati anche dall'ARPA FVG hanno messo in evidenza che la combustione di biomasse deve essere considerata una pressione significativa per l'aria ambiente del nostro territorio.

A questa classe appartengono il riscaldamento domestico effettuato con legna da ardere di diverso tipo e la combustione a cielo aperto di scarti agricoli.

La pressione sull'ambiente si manifesta con un aumento delle concentrazioni di particolato sospeso nell'aria. [2]

continua >>

 

 

inizio pagina

 

 

Sistemi monitoraggio emissioni

Per alcune fonti emissive, è possibile misurare regolarmente la quantità di inquinanti immessi nell'atmosfera.

Si tratta generalmente di impianti industriali nei quali le emissioni sono convogliate in punti precisi, tipicamente camini e ciminiere dove possono essere installati dei sistemi di monitoraggio.

Questa opportunità rende la valutazione delle pressioni esercitate sull'ambiente controllabile pressoché in modo continuo.

continua >>

 

 

inizio pagina

 

 

Argomenti collegati

1.  Catasto delle emissioni INEMAR

2.  Le biomasse nel sito dell'Agenzia Europea per l'Ambiente (EEA)

 

 

inizio pagina

 



ultimo aggiornamento: mercoledì 05 aprile 2017