sei in: home page » aria » Con il caldo arrivano anche le sabbie Stampa

Con il caldo arrivano anche le sabbie

Figura 1: Immagine della “nuvola” di sabbie sahariane vista dalla web-cam della Kredarica il 20 giugno (Fonte Arso).In questi giorni la nostra Regione è stata interessata da un episodio di trasporto di sabbie provenienti dal Sahara che ha avuto il suo culmine tra il 23 e il 24 di giugno.

Si è potuto osservare questo fenomeno in molti modi: attraverso i modelli numerici che hanno calcolato gli spostamenti delle masse d’aria, in questo specifico caso quelli che alcuni giorni fa si trovavano nei pressi del suolo libico [ Figura 1]; attraverso il colore rossastro dei tramonti e rosa lattiginoso dell’alone lunare [Figura 2]; o attraverso le misurazioni delle stazioni della qualità dell’aria [1], che hanno anche riscontrato dei superamenti dei limiti di legge fissati sulla media oraria del PM10.

Figura 2: Traiettoria delle masse d’aria che il 17 giugno si trovavano nei pressi del suolo libico.

Una delle caratteristiche dei fenomeni di trasporto sahariano è quello di produrre un aumento soprattutto della frazione più grossolana del particolato atmosferico, cioè di quella con diametro superiore ai 2.5 millesimi di millimetro [Figura 3]. Le sabbie, infatti, si formano per fenomeni di disgregazione termica e di erosione dovuta allo sfregamento, pertanto i granelli prodotti non sono “piccoli” come quelli ottenuti nella generazione chimica del particolato atmosferico, generazione che avviene partendo dai vapori di ammoniaca in presenza di nitrati e solfati.

Figura 3: Immagini dei filtri per le analisi del PM10 e PM2.5 raccolti nella pianura del Friuli Venezia Giulia.

 

Le successive analisi chimiche del particolato raccolto ci mostreranno poi quale sarà il contenuto in ferro e altri metalli di queste sabbie che, benché sporchino le automobili e i davanzali, possono risultare però molto utili agli ecosistemi proprio grazie all’apporto di questi microelementi preziosi per la vita.

 

 

 

 

 

Riferimenti bibliografici e sitografici

[1] Rete di rilevamento della qualità dell’aria

 



I goals dello Sviluppo Sostenibile (SDG Sustainable Development Goals) per questa notizia sono:

17 OBIETTIVI PER TRASFORMARE IL NOSTRO MONDO

Ensure healthy lives and promote well-being for all at all ages

Take urgent action to combat climate change and its impacts*

Protect, restore and promote sustainable use of terrestrial ecosystems, sustainably manage forests, combat desertification, and halt and reverse land degradation and halt biodiversity loss

 

 

 

 



Archivio delle notizie pubblicate nell'anno 2021

 

ARPA FVG
CRMA - Centro Regionale di Modellistica Ambientale

                     

 

 

inizio pagina

 



ultimo aggiornamento: giovedì 08 luglio 2021