sei in: home page » aria » Alti valori di polveri sottili su tutta la regione Stampa

Alti valori di polveri sottili su tutta la regione

Alti valori di polveri sottili su tutta la regione

A partire dal 27 gennaio sulla nostra regione sono aumentate in misura considerevole le concentrazioni di polveri sottili abbondantemente superiori ai limiti giornalieri stabiliti dalla legge. L’episodio, non ancora concluso sul pordenonese, è stato caratterizzato soprattutto da valori molto elevati nella frazione più fina del particolato atmosferico, ovvero le PM2.5. Su tutta la regione, infatti, circa l’85 % delle polveri erano caratterizzate da un diametro inferiori ai 2,5 millesimi di millimetro a fronte del 60-70% normalmente osservato.

Le cause di questi superamenti, che hanno coinvolto non solo la nostra regione ma tutto il bacino padano, sono molteplici e non tutte ancora comprese appieno. Un ruolo fondamentale è stato giocato dagli alti valori di umidità negli strati atmosferici più prossimi al terreno che hanno favorito la formazione del particolato secondario, ovvero la “creazione” di particelle solide a seguito della reazione chimica tra sostanze “aeriformi” (ossidi di zolfo, azoto e ammoniaca). Verosimilmente un ruolo molto importante è stato giocato dalle emissioni di ammoniaca originatesi all’interno del bacino padano a seguito della fertilizzazione dei terreni (concessa in deroga). L’effettivo contributo di questa sorgente specifica è ancora in fase di valutazione da parte delle diverse agenzie che operano sull’Italia settentrionale che sono state in contatto durante questo episodio.

Per quanto riguarda la nostra regione, l’episodio può dirsi concluso con la giornata del primo febbraio sull’udinese, triestino e goriziano, mentre valori ancora elevati di PM10 si osservano sul pordenonese, in particolare nei pressi del confine con il Veneto. L’episodio dovrebbe concludersi anche sul pordenonese con la giornata di venerdì grazie al cambiamento nel regime dei venti (vento proveniente da sudest) e con il conseguente rimescolamento delle masse d’aria.

I valori di PM10 e PM2.5, osservati nelle giornate che hanno caratterizzato l’episodio su tutto il territorio regionale, sono disponibili sul sito di ARPA FVG in questa pagina web: Aria – Monitoraggio qualità dell’aria (http://www.arpaweb.fvg.it/md/gmapsmd.asp)

 

 

Bibliografia e sitografia

1) ARPA FVG - ARIA  Monitoraggio qualità dell'aria

 

 



Questa notizia viene pubblicata nell'ambito delle iniziative: "European Commission - Towards a circular economy"


"FEBBRAIO 2017 - CIRCULAR ECONOMY Closing the loop"

 

Archivio delle notizie pubblicate nell'anno 2017



 

ARPA FVG
CRMA - Centro Regionale di Modellistica Ambientale

https://twitter.com/arpafvg_aria@arpafvg_aria                         



ultimo aggiornamento: giovedì 02 febbraio 2017