sei in: home page » acqua » news » Strategia Marina 2015: rilievi del fondale marino Stampa

Strategia Marina 2015: rilievi del fondale marino

02/12/2015

Per la Sottoregione Mare Adriatico sono iniziati i rilievi morfobatimatrici previsti nei moduli 8 e 9 del Piano Operativo delle Attività (POA) della Strategia Marina.
L'attività viene svolta nell’ambito della convenzione tra Ministero dell’Ambiente e della Tutela del territorio e del Mare e le Agenzie Regionali per la Protezione dell’Ambiente per i Programmi di Monitoraggio (art. 11 del D.lgs. 190/2010) definiti nel POA stesso.


I rilievi morfobatimetrici, eseguiti con particolare strumentazione come Multibeam e Side Scan Sonar (in foto), vengono effettuati dalla ditta Geomarine di Senigallia su incarico di Arpa FVG. Sono iniziati il 20 novembre e proseguiranno fino a metà gennaio 2016. 

Lo scopo ambientale dei moduli 8 e 9 è quello di definire rispettivamente:

  • la presenza sul fondale marino di letti ad alghe rosse calcaree (maerl/rodoliti);
  • le zone di fondale marino sottoposto a danno fisico per la realizzazione di opere antropiche o per attività di pesca con mezzi che interagiscono sul fondale.

L’accumulo di alghe rosse calcaree sul fondale marino forma un ambiente ad elevata diversità specifica e, nel tempo, una struttura biogenica tridimensionale che ospita una ricca biodiversità.


Per salvaguardare il fondale marino e sviluppare le migliori strategie riferite allo sforzo di pesca è importante analizzare l’estensione e vitalità dei diversi habitat marini influenzati in maniera significativa dalle attività antropiche e studiare le abbondanze degli organismi, sia di piccole che di grandi dimensioni, che vivono e colonizzano il fondale marino.