sei in: home page » acqua » news » Analisi del fitoplancton tossico: esperienze a confronto Stampa

Analisi del fitoplancton tossico: esperienze a confronto

02/02/2016

Il 19 gennaio scorso si è tenuta, a Cesenatico presso il Centro Ricerche Marine, la Riunione annuale dei laboratori italiani incaricati dell’analisi quali-quantitativa del fitoplancton tossico, in particolare sulle acque della molluschicoltura. Anche ARPA FVG, nello specifico il Laboratorio acque marino-costiere e qualità dell’aria di Trieste, ha partecipato all’incontro.


Durante la riunione, ogni laboratorio ha portato la propria esperienza sull’attività di monitoraggio del fitoplancton nelle acque di molluschicoltura e delle biotossine marine nei molluschi, con particolare riferimento agli eventuali episodi di tossicità riscontrati nell’arco del 2015.


Gli enti incaricati al prelievo del fitoplancton sono stati invitati ad adottare a partire dal 2016 un campionamento quantitativo, integrato e rappresentativo della colonna d’acqua. E’ stato consigliato l’utilizzo di campionatori a tubo come quelli utilizzati dalla nostra Agenzia. Ad oggi, l’unico ente in Italia che ha utilizzato nel 2015 questo tipo di campionatore per le acque di molluschicoltura è stato ARPA FVG e tale attività è stata presa come esempio nel corso della riunione.


Dall’elaborazione dei dati relativi al 2015, è risultato che questo tipo di campionamento fornisce informazioni accurate sulla presenza di specie tossiche e sulle tendenze in atto all’interno della popolazione fitoplanctonica, come richiesto dalla Comunità Europea. I risultati hanno inoltre messo in evidenza che alcune specie fitoplanctoniche tossiche (es. Dinophysis fortii, in foto) responsabili della tossicità nei molluschi bivalvi eduli, grazie al monitoraggio messo in atto e ai metodi di prelievo adottati, sono state individuate in tempo utile per attivare un Sistema di “Early Warning” in grado di prevenire la distribuzione in commercio di molluschi contaminati da biotossine algali.


Nel 2015, il Laboratorio è stato uno dei sei italiani ad aver partecipato con esito molto positivo all’importante Proficiency Test internazionale “BEQUALM Phytoplankton proficiency test in the abundance and composition of marine microalgae 2015”, organizzato da Marine Institute di Galway in Irlanda, e da IOC Science and Communication center on harmful algae, Università di Copenhagen, Danimarca. A questo circuito hanno partecipato 39 laboratori di tutto il mondo con 84 differenti analisti.


Il Laboratorio di ARPA FVG è uno dei pochissimi laboratori Italiani accreditati da ACCREDIA, ai sensi della Norma UNI CEI EN/IEC 17025:2005, per la prova “Conta fitoplancton con la microscopia inversa (tecnica di UtermÓ§hl, metodo UNI EN 15204:2006).