sei in: home page » acqua » news » Al via il monitoraggio dello stato chimico delle acque superficiali interne Stampa

Al via il monitoraggio dello stato chimico delle acque superficiali interne

01/03/2016

È stato avviato il monitoraggio per la caratterizzazione chimica delle acque superficiali interne al fine di valutare l’eventuale presenza di sostanze pericolose su circa 200 corpi idrici regionali.

A seguito di un lavoro sinergico tra ARPA e Regione FVG per il riordino ed accorpamento dei corpi idrici fluviali è stato avviato un nuovo piano di monitoraggio quadriennale 2016-2019 che prevede campionamenti che verranno effettuati a cadenza mensile.

Il lavoro preliminare di organizzazione della rete di monitoraggio ha visto la collaborazione tra la Direzione centrale ambiente ed energia della Regione e le strutture dell’Agenzia, quali il Laboratorio e Stato dell’Ambiente. Raggiunta un’intesa nella programmazione sono stati condivisi e definiti gli obiettivi di tale attività.

La nuova rete per la valutazione dello stato chimico è stata definita in conformità alle nuove specifiche previste dalla direttiva 2013/39/UE sulle sostanze pericolose, che modifica le precedenti direttive 2000/60/CE e 2008/105/CE, recepite dallo stato Italiano con D.Lgs 172/2015.

A fine del quadriennio si avrà a disposizione il quadro completo sulla situazione delle sostanze prioritarie pericolose e degli inquinanti emergenti nelle acque superficiali interne regionali.