sei in: home page » acqua » le acque marine lagunari » normativa specifica sulle acque sotterranee Stampa

Normativa

 

Europea

Direttiva WFD/2000/60/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 23 ottobre 2000, che istituisce un quadro per l'azione comunitaria in materia di acque con lo scopo di creare un quadro per la protezione delle acque superficiali interne, di transizione, costiere e sotterranee che:

a) impedisca un ulteriore deterioramento, protegga e migliori lo stato degli ecosistemi acquatici, terrestri e delle zone umide direttamente dipendenti dagli ecosistemi acquatici; 

b) agevoli un utilizzo idrico sostenibile fondato sulla protezione a lungo termine delle risorse idriche disponibili;

c) miri alla protezione e al miglioramento dell'ambiente acquatico, anche attraverso misure specifiche per l'arresto o la graduale riduzione degli scarichi, delle emissioni e delle perdite di sostanze prioritarie; 

d) assicuri la graduale riduzione dell'inquinamento delle acque sotterranee;

e) contribuisca a mitigare gli effetti delle inondazioni e della siccità.

 

 

Direttiva 79/409/CEE "Uccelli" la prima direttiva comunitaria in materia di conservazione della natura concernente la salvaguardia delle  numerose specie di uccelli selvatici e che rimane in vigore e si integra all'interno delle disposizioni della diretiva Habitat. 

 

Direttiva 92/43/CEE “Habitat”riguardante la tutela della biodiversità e dove vengono stabiliti i criteri comuni secondo cui selezionare i Siti di I

 

Direttiva "Marine Strategy" 2008/56/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 17 giugno 2008, che istituisce un quadro per l’azione comunitaria nel campo della politica per l’ambiente marino (direttiva quadro sulla strategia per l’ambiente marino).


Decisione 477/2010/EU  della Commissione Europea del 10 settembre 2010, sui criteri e gli standard metodologici relativi al buono stato ecologico delle acque marine.

 

 Direttiva 2013/39/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 12 agosto 2013, che modifica le direttive 2000/60/CE e 2008/105/CE per quanto riguarda le sostanze prioritarie nel settore della politica delle acque.

 

 

 

Nazionale

I seguenti Decreti Legislativi e Ministeriali sono a recepimento degli obiettivi delle direttive Europee WFD/2000/60/CE"Marine Strategy" 2008/56/CE e Direttiva 2013/39/CE.


  • D.P.R. 8 settembre 1997 n. 35 del 21 maggio 1992, a recepimento della direttiva 92/43/CEE “Habitat” e modificato dal sucessivo D.P.R. 12 marzo 2003 n. 120.
  • D.Lgs 152/06 Norme in materia ambientale.
  • D.M 131/08Regolamento recante i criteri tecnici per la caratterizzazione dei corpi idrici (tipizzazione, individuazione dei corpi idrici, analisi delle pressioni) per la modifica delle norme tecniche del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, recante Norme in materia ambientale. 
  • D.M. 56/09  Regolamento recante «Criteri tecnici per il monitoraggio dei corpi idrici e l'identificazione delle condizioni di riferimento per la modifica delle norme tecniche del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, recante Norme in materia ambientale.
  • D.M.260/10  Regolamento recante i criteri tecnici per la classificazione dello stato dei corpi idrici superficiali. 
  • D.Lgs. 190/10  del 13 ottobre 2010. Attuazione della direttiva "Marine Strategy" 2008/56/CE che istituisce un quadro per l'azione comunitaria nel campo della politica per l'ambiente marino.

 



ultimo aggiornamento: martedì 30 luglio 2019