sei in: home page » certificazioni ambientali » news » Nuove pubblicazioni ISPRA ARPA Stampa

Due pubblicazioni per le aziende che aderiscono a EMAS approvate da ISPRA e le Agenzie Ambientali

22/01/2016
logo EMAS
logo EMAS

Il Consiglio Federale di ISPRA ha approvato due importanti documenti in materia di informazione, assistenza e controlli verso organizzazioni richiedenti la registrazione e EMAS e in materia di benefici ed incentivi per l’adesione ad EMAS ed Ecolabel UE.
Entrambi i documenti sono stati elaborati nell´ambito di un gruppo di lavoro coordinato da ISPRA, al quale partecipano le Agenzie ambientali tra cui anche Arpa Friuli Venezia Giulia.
In particolare:

 

 

Il primo documento è stato elaborato al fine di sviluppare meccanismi di informazione e assistenza alle imprese in materia di rispetto degli obblighi normativi, così come previsto dall’art.32 del Regolamento EMAS; vengono inoltre fornite indicazioni per l’applicazione dell’art. 38 del medesimo Regolamento, in particolare per quanto riguarda l’utilizzo di EMAS come strumento di controllo del rispetto della legislazione limitatamente alle organizzazioni in possesso della registrazione EMAS ed appartenenti a settori non industriali.
Nel documento vengono pertanto evidenziati il ruolo delle Agenzie e le metodologie di supporto fornite alle imprese in materia di informazione/assistenza alle organizzazioni nonché le indicazioni per la semplificazione dei controlli sulle organizzazioni EMAS non produttive.

Il secondo documento su benefici ed incentivi fornisce lo stato dell’arte degli incentivi attivati in ambito locale nonché il confronto tra le diverse situazioni regionali mettendo in evidenza le maggiori differenze e le conseguenti disparità di trattamento per le aziende che aderiscono ad EMAS e/o Ecolabel UE.
L´obiettivo del documento è quello di fornire ai soggetti “programmatori” indicazioni operative per ciascuna tipologia di agevolazione attraverso la predisposizione di schede di sintesi in cui sono riportati i punti di forza e le eventuali criticità e/o difficoltà applicative nonché alcuni esempi di buone pratiche regionali.