sei in: home page » certificazioni ambientali » news » Progetto BRAVE: "La scelta di semplificare, il coraggio di premiare" Stampa

Progetto BRAVE: "La scelta di semplificare, il coraggio di premiare"

11/12/2014
Progetto BRAVE
Progetto BRAVE

Con la conferenza “La scelta di semplificare, il coraggio di premiare” che si è tenuta a Trieste alla presenza dell’Assessore all’energia e ambiente, Sara Vito, si è concluso il progetto Lifeplus-BRAVE, a cui ha aderito anche la Regione Friuli Venezia Giulia.

L’obiettivo di BRAVE è quello di favorire, sia a livello nazionale che regionale,  il miglioramento della normativa ambientale e la semplificazione degli obblighi per le organizzazioni che hanno ottenuto la registrazione EMAS, oppure altre tipologie di certificazioni volontarie.

Il progetto, iniziato ad ottobre 2011, è stato proposto da Ambiente Italia ed è stato coordinato dalla scuola di formazione S. Anna di Pisa; vi hanno partecipato 5 Regioni italiane (Friuli Venezia Giulia, Toscana, Lombardia, Basilicata e Liguria) e 2 spagnole; tra gli enti regionali coinvolti, la Direzione Ambiente, l’Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente (ARPA), il Distretto del Mobile Livenza e il Club Emas, associazione che riunisce tutti gli organismi pubblici e privati che hanno ottenuto una certificazione ambientale.

In Friuli Venezia Giulia, tramite BRAVE, sono state sottoposte alla Giunta Regionale sei proposte di semplificazione.

Di queste tre sono state valutate positivamente, tanto che è già stato avviato, e in parte concluso, l’iter normativo. Le tre proposte riguardano:

  • l’individuazione delle linee guida per le procedure di autorizzazione e di ispezione ambientale e per l’introduzione di semplificazioni amministrative per le organizzazioni in possesso di certificazione ambientale  (Delibera della Giunta regionale n. 2280/2014).
  • gli "acquisti verdi" (Green Public Procurement-GPP); la Giunta regionale ha costituito un apposito gruppo di lavoro interdirezionale (generalità di Giunta n. 2179/2014), che dovrà presentare un documento propositivo entro il 31 marzo 2015.
  • gli incentivi che potranno essere concessi alle organizzazioni con certificazioni ambientali nell'assegnazione delle risorse del Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR) - programmazione 2014-2020.