sei in: home page » emergenze ambientali » L’attivazione del Sistema di Risposta alle Emergenze di Arpa FVG Stampa

 

L’attivazione del Sistema di Risposta alle Emergenze di Arpa FVG

Le urgenze o le emergenze (livello 1 o livello 2) che di norma richiedono l’attivazione del Sistema di Risposta alle Emergenze di Arpa FVG sono:

  • contaminazioni di corpi idrici superficiali evidenziati da morie di pesci o dovuti a scarichi fuori norma o a sversamento di sostanze inquinanti (sezione dedicata alle acque superficiali);
  • ritrovamento di rifiuti abbandonati che possano dar luogo a dispersione di sostanze inquinanti nell’ambiente (sezione dedicata ai rifiuti);
  • incendi o emissione di sostanze inquinanti in generale in aria (sezione dedicata all'aria);
  • eventi in aziende a rischio di incidente rilevante di cui al D.Lgs.n.105/15 (sezione dedicata ai rischi industriali);
  • incidenti con ricaduta ambientale durante il trasporto (incidenti stradali e ferroviari con rilascio di sostanza inquinante);
  • ritrovamento di sostanze radioattive (sezione dedicata alla radioattività);
  • potenziali inquinamenti di suolo dovuti a sversamento di sostanze inquinanti (sezione dedicata al suolo);
  • eventi meteo potenzialmente pericolosi (ad esempio piogge alluvionali, vento forte, neve o ghiaccio al suolo, ondate di calore) che richiedono l'emissione di comunicati straordinari e/o l'intervento di operatori presso la sala operativa di altri Enti intervenuti (sito Osmer);
  • interventi di ripristino delle connessioni di rete e/o delle apparecchiature necessarie al monitoraggio meteorologico, così come della analisi meteorologica e della relativa emissione preventiva di bollettini o comunicati alla Protezione Civile Regionale o di improcrastinabili comunicazioni ai media (sito Osmer).
 

Situazioni che di norma non richiedono l’attivazione di Sistema di Risposta alle Emergenze di Arpa FVG

Le situazioni (livello 0) che di norma non richiedono un’attivazione del Sistema di Risposta alle Emergenze di Arpa FVG in emergenza o urgenza sono: 

  • molestie acustiche;
  • molestie olfattive che non comportano un immediato pericolo per l’ambiente;
  • campi elettromagnetici;
  • eventi il cui accadimento è riscontrabile continuativamente o con frequenze stabili che possono essere affrontati durante il normale orario di servizio;
  • amianto, qualora l’evento non sia riconducibile a casi che comportino pericoli immediati per l’ambiente;
  • rifiuti urbani ingombranti o materiali inerti.

Sono situazioni per le quali non si ravvede la necessità di intervenire tempestivamente perché non considerate potenzialmente pericolose nell’immediato per l’ambiente e/o le persone oppure perché non è necessario un intervento immediato per individuarne le cause.



ultimo aggiornamento: giovedì 17 dicembre 2020