sei in: home page » archivio news » PEPSEA, risposte tempestive alle emergenze ambientali in mare Stampa

PEPSEA, risposte tempestive alle emergenze ambientali in mare

31/10/2019
Laguna

Inizierà lunedì 4 novembre a Palmanova la tre giorni di studio e approfondimento sulle emergenze ambientali in mare organizzato da Arpa FVG nell’ambito del progetto europeo PEPSEA. La prima giornata dei lavori è ad ingresso libero e avrà inizio alle ore 15.30 nel Salone d’onore di Palmanova in piazza Grande.

PEPSEA nasce dalla considerazione che il mare Adriatico è caratterizzato da numerose zone relativamente chiuse, come baie, canali e lagune. Tali zone, soggette a un ridotto ricambio d’acqua in presenza di un intenso traffico marino, sono a rischio di inquinamento da idrocarburi e da altre sostanze pericolose, che possono compromettere la naturale biodiversità.

Scopo del progetto PEPSEA è quello di sviluppare un sistema adeguato, tempestivo ed univoco di risposta alle emergenze ambientali incidentali nelle aree chiuse dell’Adriatico, aumentando al contempo la consapevolezza degli operatori e degli utenti (pescatori, bagnanti, diportisti, …).

Con PEPSEA si prevedono di realizzare dettagliati piani di risposta ai rischi di inquinamento e incidente; d’acquisire e sperimentare equipaggiamenti tecnologicamente avanzati per gli operatori; di realizzare eventi di formazione per le squadre di intervento; di aumentare la consapevolezza della popolazione e degli operatori per un attento uso della risorsa marina.

All’interno del progetto, ARPA è coinvolta principalmente nello sviluppo di attività di informazione e formazione alla popolazione sui problemi della prevenzione del rischio di inquinamento. Sono previste, inoltre, la realizzazione di pubblicazioni specifiche rivolte agli operatori del mare, alle comunità locali, alle scuole e agli altri operatori economici.

PEPSEA è un progetto Interreg Italia-Croazia, finanziato dall’UE, che ha come capofila la Contea di Zara e che coinvolge altri sette partner sui due lati dell’Adriaco. I partner italiani sono l’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente del Friuli Venezia Giulia, il Consorzio Futuro in Ricerca di Ferrara, il Parco naturale regionale veneto del Delta del Po, la Camera di Commercio di Bari; gli altri partner sono: la Contea di Sebenico e quella di Spalato, l’istituto ATRAC di Fiume.

Il progetto PEPSEA ha una durata di 30 mesi; è stato avviato nel gennaio del 2019 e si concluderà quindi in giugno 2021.