sei in: home page » archivio news Stampa

È nato il WPD (Water Potability Device): l’ultimo frutto della collaborazione tra il laboratorio di Arpa FVG e l’ISIS Arturo Malignani

06/06/2017
È nato il WPD (Water Potability Device): l’ultimo frutto della  collaborazione tra il laboratorio di Arpa FVG e l’ISIS Arturo Malignani
È nato il WPD (Water Potability Device): l’ultimo frutto della collaborazione tra il laboratorio di Arpa FVG e l’ISIS Arturo Malignani

Il progetto WPD (Water Potabitility Device), nato dall’ormai pluriennale collaborazione tra il Laboratorio di Analisi Ambientali e Matrici Sanitarie di Arpa FVG e l’ISIS Arturo Malignani di Udine,  nell’ambito dell’edizione 2017 della manifestazione “FAST , i giovani e le scienze”,  è stato selezionato per partecipare alla competizione ISEF (International Science and Engineering Fair) a Los Angeles.

Nell’ambito di questo progetto, è stato realizzato un dispositivo in grado di verificare diversi parametri previsti dalla normativa vigente per la potabilità delle acque.

In pratica è stato messo a punto un mini-incubatore portatile grazie al quale è possibile effettuare delle analisi chimiche e microbiologiche, utilizzando della semplici metodiche, gestibili anche da personale non specializzato.

Il Laboratorio di Analisi Ambientali e Matrici Sanitarie di Arpa FVG ha fornito il suo contributo nella definizione dei parametri più significativi e nella scelta dei metodi di più semplice esecuzione, verificando sperimentalmente la validità delle analisi effettuabili con il dispositivo.

Per quanto riguarda i parametri microbiologici, il WPD permette di  accertare la presenza di  Coliformi totali, EnterococchiEscherichia coli e Pseudomonas aeruginosa, utilizzando metodi enzimatici rapidi, che consentono di effettuare l’analisi utilizzando piccoli volumi d’acqua, senza ricorrere alla filtrazione e con tempi di risposta più brevi rispetto alle tecniche tradizionali.

Per quanto riguarda le analisi chimiche, il WPD è in grado di misurare il pH e determinare la presenza di cloro libero, ferro, nitriti e ammoniaca , utilizzando semplici metodi colorimetrici.

Il dispositivo potrebbe  essere utilizzato per l’esecuzione di controlli da parte di privati cittadini, per verificare la conformità  dell’acqua ad alcuni parametri previsti dalla normativa vigente.

Il WPD non può ovviamente sostituire i controlli ufficiali,  che per molte determinazioni analitiche richiedono l’utilizzo di metodiche complesse, strumentazioni sofisticate e il lavoro di personale altamente specializzato.