sei in: home page » archivio news » Fioritura della specie Noctiluca scintillans a Muggia Stampa

Fioritura della specie Noctiluca scintillans a Muggia

14/04/2017

Lunedì 10 aprile, il personale di Arpa FVG ha osservato e fotografato delle acque colorate di rosso in prossimità della spiaggia a Punta Sottile in Comune di Muggia (Trieste). Nell’occasione è stato prelevato un campione di acqua superficiale in corrispondenza della chiazza colorata per l’analisi del fitoplancton.

I tecnici del laboratorio di Arpa FVG Acque marino-costiere e qualità dell’aria di Trieste hanno analizzato il fitoplancton contenuto nel campione e hanno rilevato la presenza di una fioritura della specie Noctiluca scintillans, quantificata in una concentrazione pari a 576000 cell./L. Le cellule presentavano un diametro medio tra 400 e 500 µm.

Noctiluca scintillans è un’alga unicellulare appartenente al gruppo tassonomico dei Dinoflagellati, caratterizzata da un solo flagello trasversale e da un tentacolo striato che si estende posteriormente. È una specie prevalentemente eterotrofa, ovvero si nutre di altri organismi, quali diatomee, ciliati, uova di pesce e di sostanze organiche in sospensione che fagocita all'interno dei suoi vacuoli.

La fioritura di Noctiluca scintillans è associata alle maree rosse, anche se non sempre la specie assume colorazione rossastra, e alla conseguente morte di pesci e invertebrati marini.

Il bloom, solitamente inizia a verificarsi nel periodo primaverile, quando l'aumento di temperatura favorisce la crescita algale, per poi arrestarsi nel periodo più caldo dell'estate per l'effetto inibente della lunga esposizione alla luce solare. La tossicità sugli altri organismi marini non viene esplicata tramite la formazione di tossine, come fanno invece altre specie di dinoflagellati, ma attraverso l'escrezione di ammoniaca e il consumo di ossigeno. L'alga non è pericolosa per l’uomo.

Questa specie è anche nota per la bioluminescenza notturna delle acque marine.

Il fenomeno della fioritura verrà tenuto sotto controllo da Arpa FVG anche nell’ ambito dei monitoraggi programmati per la balneazione.