sei in: home page » archivio news » Festival_non_sono_atlantide2021 Stampa
17 SETTEMBRE 2021

NON SIAMO ATLANTIDE - Tasselli di Sostenibilità

immagine di un mosaico

Il 25 settembre 2021 ad Aquileia (UD) si terrà il Festival “NON SIAMO ATLANTIDE – Tasselli di Sostenibilità”. Si tratta di un evento a partecipazione gratuita, organizzato dalla Pasticceria Mosaico Cocambo e dall’associazione Animaimpresa insieme ad un nutrito numero di partner, tra cui ARPA FVG.

Il Festival si prefigge di dare spazio e voce alle molteplici esperienze delle realtà locali legate ad una visione comune di territorio e futuro. Filo conduttore è il tema della sostenibilità secondo i 17 obiettivi dell’Agenda 2030 dell’ONU.

L'evento è inserito all’interno del Festival Dello Sviluppo Sostenibile 2021 di ASviS - Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile e del programma #All4Climate - Italy2021.
Il programma, visualizzabile sul sito dell’evento stesso (vedi sotto), prevede vari interventi ed attività, con la presenza di aziende del territorio ma anche di personaggi di rilievo nazionale, e si dipanerà durante tutta la giornata tra testimonianze negli stand, workshop, laboratori didattici etc.

Anche l’Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente del FVG ha deciso di essere partner di questa iniziativa. In linea col suo mandato di ente preposto alla promozione della sostenibilità ambientale e di lotta ai cambiamenti climatici, ARPA FVG non solo ha dato il patrocinio all’evento, ma partecipa attivamente al progetto con 2 iniziative:

  • un intervento che il collega Dario Giaiotti, della struttura “Centro Regionale di Modellistica Ambientale”, farà su “Cambiamenti climatici e il territorio”, in cui verranno illustrate le vulnerabilità del nostro territorio in rapporto ai cambiamenti climatici in atto, che sono oggetto specifico del progetto INTERREG IT-HR denominato AdriaClim, di cui ARPA FVG è partner;
  • un accompagnamento al calcolo dell’impronta di carbonio dell’evento, in cui le colleghe della struttura “Sviluppo sostenibile, ecoinnovazione e semplificazione” affiancheranno gli organizzatori nella difficile operazione di pianificazione, raccolta dei dati e calcolo. L’impronta di carbonio, lungi dall’essere un puro strumento di misura della CO2 prodotta, richiede infatti una pianificazione attenta, la scelta, a monte, su cosa si vuole approfondire l’analisi, la definizione delle modalità di raccolta dati, ed infine un impegno a migliorare le proprie prestazioni ambientali nelle prossime edizioni del festival, che speriamo saranno numerose e sempre più partecipate.

>> Questo il link del sito in cui trovare tutte le indicazioni in merito tra cui il dettagliato ed interessante programma.