sei in: home page » archivio news » Concluso l’episodio di afflusso di sabbie provenienti dall’Asia Stampa
30 MARZO 2020

Concluso l’episodio di afflusso di sabbie provenienti dall’Asia

Traiettorie delle masse d’aria che alle ore 00:00 del 30 marzo si trovavano sul Friuli Venezia Giulia

Nella giornata del 29 marzo si è concluso l’episodio di afflusso di sabbie provenienti dall’Asia sul Friuli Venezia Giulia. Attualmente, nelle prime ore del 30 marzo, a seguito dell’arrivo di una perturbazione e del cambiamento nelle traiettorie delle masse d’aria, i valori orari di PM10 si sono assestati sui 20-30 microgrammi/m3.

Come noto, a partire dal 27 marzo il nord Adriatico è stato interessato da un flusso di masse d’aria ricche di sabbie provenienti dalle zone desertiche dell’Asia (figura 1), che hanno causato un forte aumento delle concentrazioni delle polveri in aria.

L’apporto di sabbie ha portato dei superamenti dei limiti di legge stabiliti per il PM10 anche nella giornata di domenica 29 marzo (figura 2), ma limitatamente alle zone di pianura e costa con una concentrazione media giornaliera compresa tra 55 e 95 microgrammi/m3. Questi valori sono stati comunque decisamente inferiori rispetto a quelli registrati sabato 28 marzo, quando erano state rilevate su tutto il Friuli Venezia Giulia concentrazioni medie giornaliere di 95-150 microgrammi/m3.

I valori relativamente bassi del PM2.5 (da 18 a 20 microgrammi/m3 come media giornaliera) riscontrati nella giornata del 29 marzo sulla pianura e sulla costa del Friuli Venezia Giulia sono coerenti con il fatto che le polveri trasportate dalle correnti di origine asiatica erano prodotte da un’azione meccanica di sfregamento e risospensione di particelle più grossolane.

> Figura 1 - Traiettorie delle masse d’aria che alle ore 00:00 del 30 marzo si trovavano sul Friuli Venezia Giulia
> Figura 2 - Mappa con i superamenti dei livelli giornalieri di PM10 in Friuli Venezia Giulia nella giornata del 29 marzo