sei in: home page » archivio news » Conclusa la riorganizzazione interna Stampa

Conclusa la riorganizzazione interna

01/02/2017

Con l’individuazione dei dirigenti delle strutture organizzative semplici e con il conferimento degli incarichi professionali di alta specializzazione (Decreti 23 e 24 del 31.1.2017), si è concluso in questi giorni il percorso di riorganizzazione di Arpa FVG avviato nel settembre del 2015.

Dopo aver verificato nel tempo l’efficacia delle prime decisioni assunte e aver introdotto, laddove si sono evidenziate criticità, i correttivi più opportuni, giunge così a compimento un iter, durato circa un anno e mezzo e attuato per gradi.

Gli incarichi assegnati hanno la durata contrattualmente prevista di cinque anni con decorrenza 1 febbraio. Nell’ottica della massima trasparenza e correttezza amministrativa, le nomine dei dirigenti sono avvenute a seguito di un avviso di selezione interna, con una commissione che ha valutato i curriculum, le attitudini e le motivazioni di tutti i candidati, individuando così i professionisti migliori per ricoprire i diversi ruoli professionali e organizzativi, in questo specifico momento storico e contesto territoriale. Il processo di conferimento degli incarichi ha in larga misura confermato le scelte fatte lo scorso anno, a riprova della loro adeguatezza.

Oggi ARPA è una struttura molto diversa da quella di due anni fa. E’ stata infatti superata una rigida ed anacronistica suddivisione per province, che aveva comportato duplicazioni di funzioni e una diversificazione anche marcata delle risposte fornite a Cittadini, Istituzioni e Imprese del nostro Territorio.

La nuova struttura organizzativa consente di soddisfare al meglio le richieste dei diversi stakeholder; di investire in innovazione e ricerca; di aprire alle collaborazioni nazionali e internazionali; di proseguire nel percorso di certificazione e accreditamento all’eccellenza; di migliorare in continuo i servizi e continuare nell’acquisizione di nuove risorse.

Ciò consentirà ad ARPA di continuare a produrre valore pubblico per la collettività del Friuli Venezia Giulia. Consentirà anche di affrontare le molte sfide del prossimo futuro, a cominciare dalla revisione della legge istitutiva dell’Agenzia, che la Regione dovrà a breve avviare per effetto della legge 132/2016 di istituzione del Servizio nazionale a rete per la protezione dell’ambiente (SNPA), in un contesto che rafforza ulteriormente la nostra terzietà, autonomia e indipendenza.