sei in: home page » archivio news Stampa

La tecnologia 5G spiegata a “TerraÈ, officina della sostenibilità”

13/05/2019
convegno 5G Pordenone

L’inquinamento elettromagnetico aumenterà o diminuirà con l’introduzione di nuovi sistemi di telefonia mobile basati sulle tecnologie 5G? Gli attuali sistemi di autorizzazione, controllo e monitoraggio sulle radiazioni elettromagnetiche, attuati anche in regione da Arpa FVG, sono adeguati a verificare che i livelli di esposizione della popolazione si mantengano entro i limiti?

A queste domande cercherà di dare una risposta Anna Bampo, responsabile della struttura Protezione dall’inquinamento elettromagnetico di Arpa, nel corso dell’incontro Il 5G e i campi elettromagnetici - Studi sulle esposizioni e lo stato di fatto in FVG, in programma lunedì 13 maggio, alle ore 20.30, nella sala Degan della biblioteca civica di Pordenone. L’incontro rientra tra le iniziative della decima edizione di “Terraè, officina della sostenibilità”.

Nel corso dell’intervento verrà spiegato cos’è il campo elettromagnetico, come si misura, quali sono i limiti di esposizione previsti dall’attuale normativa, le attività di monitoraggio e controllo effettuate da Arpa in ambito regionale.

La dott.ssa Bampo affronterà alcuni aspetti legati  alla nuova tecnologia 5G di cui è prevedibile una rapida diffusione nel corso dei prossimi anni. Particolare attenzione verrà dedicata ai limiti previsti dalla normativa italiana, estremamente più restrittivi di quelli di altri paesi come Francia, Germania, Regno Unito e Spagna, e come questi rendano necessaria una progettazione accurata delle installazioni delle stazioni radiobase e richiedano quindi una minuziosa valutazione anche da parte dell'Agenzia, a vantaggio della riduzione dell’esposizione della popolazione.