sei in: home page » Focus Ferriera » news » Completata la rete misura qualità aria a Trieste Stampa

Completata la rete misura qualità aria a Trieste

28/02/2017

Arpa segnala che in questi giorni si stanno ultimando le opere di allacciamento alla rete elettrica della stazione di monitoraggio per la qualità dell’aria posta a Trieste in piazzale Rosmini. Vengono così a completarsi gli interventi di ammodernamento della rete di monitoraggio prevista da Arpa e approvati da Regione e Ministero dell’Ambiente.

La stazione di piazzale Rosmini è molto importante, in quanto misura i valori di “fondo”, sia per quanto riguarda la qualità dell’aria urbana, sia ai fini dell’Autorizzazione integrata ambientale (Aia) concessa allo stabilimento siderurgico di Servola.

In piazzale Rosmini, infatti, oltre al  rilevamento dei parametri standard, quali le polveri sottili e gli ossidi di azoto, verranno misurati anche gli idrocarburi policiclici aromatici e i metalli previsti dalla normativa (arsenico, piombo, nichel e cadmio). Inoltre, la stazione è stata dotata di un sistema di misura delle deposizioni di polveri.   

Arpa segnala anche alcune importanti novità per la stazione di San Lorenzo in Selva – RFI, che l’Aia individua quale principale punto per la misura delle performance dello stabilimento siderurgico di Servola.

A tale proposito Arpa ricorda che la stazione RFI è stata attivata, in seguito ad una specifica richiesta della Magistratura, nel 2007 ricorrendo ad un mezzo mobile. Vista l’importanza di RFI, il Comune di Trieste aveva sottoscritto con Arpa una convenzione onerosa, finalizzata ad ottenere informazioni aggiuntive sulle emissioni inquinanti dell'impianto siderurgico. Con l'entrata in vigore dell'Aia, RFI è entrata a pieno titolo nel sistema integrato di controllo pubblico gestito da Arpa. Perde quindi di significato la convenzione, che con questo inizio anno non è stata più rinnovata, sgravando di conseguenza il Comune di Trieste dai relativi oneri.

Arpa ha avviato un progetto per trasformare la postazione RFI da stazione su mezzo mobile a stazione fissa. Ciò al fine di rendere ancora più agevoli e sicuri, anche per il personale operante, i controlli nel tempo.